Cesena-Montenegro-Croazia-Cesena in moto, parte 2

.. segue dal racconto precedente

Vi scrivevo che restando qualche giorno a Budva abbiamo avuto la possibilià di visitare un po’ di zone limitrofe, compreso l’entro terra, dove siamo andati a Cetinje, piccola cittadina che fu, fino alla prima guerra mondiale, la capitale del Regno del Montenegro.

 Tristissimo paesello di 15.000 anime dove ci sono le vecchie sedi delle ambasciate. Dire che non c’era nessuno è quasi un eufemismo, ma avremo incontrato non più di 30 persone,

 tra cui … Babbo Natale!!!!

Ci siamo fermati pochissimo:

 una passeggiata fino al palazzo presidenziale e fino ad un monastero dove per entrare c’erano da fare troppe trafile (riempirsi di pulciosi parei, nonostante fossimo con pantaloni lunghi e magliette non troppo aderenti) per poi andare a Rijeka Crnojevica!

Come ultima foto nel post di ieri ho pubblicato uno scorcio strepitoso di un fiume visto dall’alto. Per arrivarci abbiamo imboccato una stradina panoramica dove due macchine non passano, ma probabilmente a fatica anche una moto e una macchina. L’indicazione era per Rijeka Crnojevica appunto, dove per pranzo ci siamo fermati a mangiare uno strepitoso brodetto di pesce nell’unico ristorante del piccolissimo villaggio.

Quella che vedete è la foto del piccolo centro, praticamente un agglomerato di case, ma la bellezza della strada panoramica per raggiungerlo e poi la possibilità di vedere i colori della natura, il verde brillantissimo e quel percorso fluviale non ha prezzo.

Il giorno dopo abbiamo lasciato Budva per Cattaro (Kotor). Cattaro è la cittadina dove ho lasciato il cuore e si trova in fondo a fiordo delle famose “Bocche di Cattaro” . Temo di essere in difficoltà nel raccontarvi della mia permanenza, perchè mi sono sentita talmente tanto bene, a mio agio, colpita dalla bellezza e della cittadina, e delle montagne che la circondano!

Ma anche dalle persone che abbiamo incontrato, di una gentilezza disarmante.

Quella che vedete è una delle porte di ingresso della Stari Grad (la città vecchia) di Cattaro e alle spalle si può vedere la montagna dove si trova una cinta muraria restaraurata da poco.

1300 scalini che portano da 0 a 280 mt sul livello del mare e che regalano una vista degna di nota. Vi sconsiglio di fare come noi: siamo partiti dal centro di Cattaro poco prima di mezzogiorno, caldo africano e quando arrivate in cima agli scalini, se avete terminato l’acqua, la potete comprare sborsando 2,5 euro a bottiglietta da mezzo litro .

Questa foto è stata scattata poco prima della cima del percorso :

bello vero??!

Ma un’altro spettacolo lo abbiamo vissuto quando, dal centro di Cattaro voltando a destra dopo il cimitero, proseguendo per circa 17 km per poi salire verso Lovcen (queste le indicazioni che abbiamo ottenuto … sempre senza un cartello) siamo andati alla ricerca del punto più alto dove vedere tutto il fiordo !

La prossima settimana vi racconterò di Dubrovnik, di come evitare di passare da Dubrovnik verso Spalato dalla Bosnia, passando per Peljesac, una penisola molto “napa valley” .

Vi lascio con la consueta foto, qui mi sono molto emozionata, mi sembrava di essere un granello di polvere in mezzo al MONDO!

Cesena-Montenegro-Croazia-Cesena in moto , parte 1

e così anche quest’anno sono andata in vacanza in moto, un mezzo che mi piace tantissimo, per la libertà che regala e poi, non è così scomodo girare in moto e comunque io sono una da pochi abiti in valigia !!!

Detto questo mi piacerebbe farvi un riassunto veloce della vacanza, ma sarà difficile, perchè sono stati 15 giorni e ci sarebbe moltissimo da raccontare e da farvi vedere!

Siamo partiti nel pieno delle “vacanze italiane”: il 7 agosto, traghettando la moto da Ancona e fino a Bar in Montenegro

In traghetto durante il tragitto abbiamo conosciuto un simpatico ragazzo di origine albanese che tornava a casa per le ferie, passando appunto dal paese appena sopra il suo natale. Non avendo prenotato assolutamente nulla ci siamo fatti consigliare da lui che ci ha proposto di scendere fino al confine con l’Albania , a Ulcinj , paese che si trova a 25 km circa da Bar.

Abbiamo trovato un luogo particolare, forse più simile ai suk marocchini che non al Montenegro, con un sacco di moschee e una spiaggia lunga ben 13 km!

In Montenegro si trovano appartamenti per dormire (Sobe in lingua locale) a pochissima spesa, pulitissimi, anche se arredati principalmente con solo l’essenziale. Restando sull’onda dei consigli, dall’ufficio turistico ci hanno indicato un ristorante di lusso per la cena, sulle rive del fiume Bojana (che divide il Montenegro dall’Albania)

Ragazzi, pesce ottimo, mangiato in quantità in una palafitta che guardava la riva opposta, serviti e coccolati come pascià, con ottimo vino e frutta succosissima, spesa 20 euro a testa .. da noi, una cena così si sarebbe aggirata almeno sui 50 euro a testa, ma trovare il ristorante non è stato così facile, perchè non c’è un cartello per la strada, che è comunque molto buia e con un asfalto piuttosto scivoloso, ed essendo in moto, un po’ di ansia c’era!

Ci siamo fermati a Ulcinj solo una notte, per poi risalire il giorno dopo verso Budva, considerata la Rimini del Montenegro, ma io che a Rimini ci vado spesso … posso dire che non ha davvero attinenza, se non per le tante discoteche a cielo aperto. La Stari Grad (ovvero città vecchia) di Budva è davvero molto molto carina, ma tutto il paese di Budva in generale. Qui abbiamo alloggiato in un appartamento trovato per caso, senza passare dall’agenzia turistica, a ben 12,5 euro a testa al giorno!!

Restando a Budva per qualche giorno siamo riusciti a visitare un po’ di meraviglie della zona: la natura del Montenegro è davvero travolgente e il paese è come una bellissima donna, lussuriosa, ma ancora non contaminata da extension, french alle unghie e trucco permanente

Questa meraviglia è Sveti Stefan , purtroppo non siamo riusciti a visitarla perchè siamo andati di sera ed era chiusa: è un albergo, che di giorno permette le visite, mentre la sera è chiusa

Un altra isoletta magnifica, ma devo dire che la guida ci ha un po’ ingannato è Sveti Nicola . Nella guida (lonely planet) era descritta come isolotto dove i conigli vengono a riva a salutare.. ma quando siamo arrivati, al posto dei conigli abbiamo trovato un ristorante

Attenzione, perchè se andate a Sveti Nicola  non dovete portarvi viveri “da casa”, infatti vi accoglie un cartello che dice che sono proibite bevande  cibo al sacco e ci sono guardie che girano a controllare. A onor del vero, io ho pranzato con un insalata ed acqua al ristorante e ho speso solo 3 euro, però avevo della frutta con me e non ho potuta consumarla tra un bagno e l’altro e tra l’altro l’isola è chiusa per gli 8/10, si puo’ visitare solo una parte davvero molto piccola, bellissima, ma risicata

Donne, se siete gelose non andate con i vostri uomini in Montenegro, la “fauna” femminile è di una bellezza travolgente, mentre i maschietti montenegrini non altrettanto … ho dato un sacco di bottigliate di plastica in testa a chi di dovere … eheheh!

Domani finisco il racconto, qui siamo solo all’inizio, ma voglio chiudere il post con la foto di uno dei posti che più mi ha emozionata del Montenegro

Cartaceo o virtuale?

tra pochi giorni partirò per le vacanze, sabato mattina esattamente e come ogni volta in cui sto via più di 4 giorni si pone il problema libri …

vi assicuro che è diventato un problema, perchè andando in vacanza in moto devo scegliere cosa portare e cosa no ..

starò in vacanza 15 giorni, sicuramente molto tempo sarà speso nel visitare il paese dove andrò, ma si sa … i lettori incalliti, quando hanno 5 minuti in più aprono il libro e si sprofondano in nuove storie (ho sempre un libro in borsa)

Ho comprato due mattoni scritti fitti fitti per l’occasione, non ero tanto interessata al titolo quanto alla quantità di parole, vi sembro pazza? forse sì, chiaro che non ho comprato un trattato di filosofia ed uno di economia aziendale, sono andata nello scaffale dei romanzi gialli e ho preso i pocket più grossi e compatti che c’erano

sono lì, vicino al comodino, non li ho nemmeno sfogliati..ma conoscendomi so che quelle 1500 paginette non mi basteranno e così .. la domanda sorge spontanea: sarà mica il caso che mi compri un E-reader prossimamente?

Se qualcuno di voi ha esperienza e vuole consigliarmi, prego, i commenti sono a disposizione !!!

Tornerò il 23 agosto, e se qualcun’altro tra di voi se ne andrà in vacanza, buon viaggio: il mio sarà sicuramente meraviglioso

Ottima compagnia, viaggio in moto avendo prenotato solo il traghetto di andata verso il Montenegro e un paese che non ho mai visto, tutto da assaggiare

Trova l’intrusa … ma la spiaggia non è area demaniale??!

Cari amici … prima del post un video, guardatelo e ditemi chi è l’intrusa ….

Il geniale artista è Simo Paglia, diminutivo di Simone Pagliarani,giovane ARTISTA romagnolo!

Simo, oltre all’essere un bravo musicista … si è inventato un personaggio, la “Figa Lessa di Cesena” ora rinominata “La lessa standard”

La Lessa ha un profilo su Facebook e dalle sue battute ne è uscito un libro bellissimo, realmente surrele !

Il video che vi ho postato è stato girato qui in radio !! 

Nei giorni scorsi sono andata in Liguria, due giorni per festeggiare un compleanno + concerto di Gary Moore. Abitualmente vado a Sanremo per il Festival, quindi non mi sono mai posta la domanda “se andassi in spiaggia?”

Bene, se volessi andare in spiaggia a Sanremo dovrei pagare per entrare.. proprio così, sono rimasta di stucco … vi spiego bene

Ho trovato una discarica sotto forma di spiaggetta libera, era esageratamente sporca .. quindi sono andata alla ricerca di uno stabilimento balneare

Ne trovo uno tra i due porti di Sanremo, è convenzionato con il mio albergo, bene (penso) , ormai sono le 5 del pomeriggio, vorrei giusto farmi un bagno e rilassarmi un’oretta sul lettino

La prima cosa che mi “fa strano” è l’ingresso delimitato da recinzione con cancello, da noi è tutto aperto, senza cancellate o simili

Un cartello all’ingresso mi avverte che:

l’ingresso, anzi L’INGRESSO costa 4 euro a testa oltre al costo di lettino, o sdraio, ombrellone, cabina … e non so quante altre cose, forse anche il bagno al mare costa

ma sopratutto che la spiaggia chiude alle 19.30 … com’è possibile che la spiaggia chiuda nell’orario più bello ??!?!?

ma la domanda sorge spontanea: la spiaggia non è area demaniale?? sicuramente i servizi nello stabilimento balneare sono (giustamente) a pagamento, ma l’ingresso ?!!

La ricerca di un profumo

Ho passato due giorni a Jesolo,

mio padre ha un appartamento vicino al mare, a Jesolo.. e per una come me che a Cesenatico ci puo’ andare in bicicletta, forse il pensiero di passare qualche giorno sulla stessa costa, solo più a nord non verrebbe… ed in effetti per molti anni non ci ho proprio messo piede, ma quest’anno avevo voglia di sentire quel profumo.

Per anni, da bambina, ho trascorso i mesi estivi a Jesolo, andando in spiaggia il pomeriggio per giocare con le amiche, e la sera in paese a comprare le noccioline caramellate con lo zio che non aveva occhi che per me

Da adolescente ero costretta ai 15 canonici giorni con mamma e papà, momento di cambiamenti, perchè ogni anno in cui andavo barattavo una sera in più a settimana per uscire da sola-come le grandi, ma ricorda, torna a casa entro le 22.30, sennò ti fai tutte le sante sere con il babbo sul divano a guardare i vecchi film western o quelli con Bud Spencer e Terence Hill

Ho milioni di ricordi che si traducono in 2 km di spiaggia-tragitto casa/piscina- giretto con le amiche venete a spettegolare e sigarette fumate di nascosto e bugie dette a mamma e papà e non ho i soldi per il gelato, ma quanto sono cattivi i miei, uff, io voglio stare fuori almeno fino a mezzanotte e poi ancora compiti in terrazza, nel primo pomeriggio, mentre papà dormiva e mamma sistemava la cucina

Io non ci volevo tornare a Jesolo, no, proprio non ci volevo mettere piede da adolescente, perchè quando arrivavo io a ferragosto le mie amiche erano li da tempo e avevano cose solo loro da raccontarsi ed io nemmeno lo parlavo il dialetto veneto, ma poi, facevo presto a fare breccia, sono sempre stata solare e ho sempre cercato di fare gruppo… una simpatica canaglia, rumorosa

Due giorni a Jesolo da adulta, ho cercato in ogni angolo quel profumo e l’ho trovato. Ho scoperto che  il tempo si è fermato, le stesse persone, solo più grandi, lo stesso modus vivendi: spiaggia al mattino non troppo presto, chiacchere e giochi di carte o bocce, per le 13 tutti a casa a mangiare e pomeriggio di nuovo lì

C’è qualcosa di bello nel tempo che si ferma, anche se mi piace solo per brevissimi periodi

le varie prospettive di un viaggio!

Come molti sanno sono appena tornata da 4 giorni meravigliosi a Stoccolma, la pacifica capitale della Svezia

Prima di partire, come sempre, ho chiamato il mio papino. Ci vediamo poco: non abitiamo nella stessa città! Quando l’ho chiamato per dirgli che stavo per partire mi ha detto: ma non sei stanca di andare in giro per il mondo???

NOOOO, NON SONO STANCA!! gli ho risposto che il Mondo è troppo bello, non ne vale la pena di fermarsi e lasciarlo scorrere senza assaggiarlo

.. ma infondo non è che ho viaggiato così tanto, mi concedo un paio di viaggi all’anno, prediligo le capitali/grandi città ai villaggi turistici

viaggio in aereo, treno, macchina, moto

amo le strade, mi piace perdermi e chiedere aiuto

adoro fermarmi in un paese sconosciuto e mangiare nella prima osteria per la strada

non ho studiato (ho la terza media) e il mio inglese è limitato, ma mi sono resa conto che comunico facilmente ovunque, capisco tanto, anche se il mio vocabolario dispone di poche parole

in questi giorni svedesi ho chiaccherato felicemente con un ragazzo francese e fatto un lungo discorso con un tassista serbo

insomma, io amo il mondo, girare, comunicare, vedere e quello che ho visto in 4 giorni di Stoccolma mi è piaciuto

la pace della città, la perfezione nei servizi, i musei con brochure in tutte le lingue (compreso l’italiano)

mi sono persa volentieri nel museo di Nobel, ho visto a bocca aperta il museo dedicato al galeone Vasa

ho fatto un salto nel passato e nel futuro al museo di scienza e tecnologia e ho lustrato gli occhiali a Palazzo Reale

preferisco di gran lunga andare dove non sono stata, anche se Barcellona e Londra sono città che ho visitato più volte

insomma, viva il mondo,

io qui in Romagna ci sto bene, mi pare di abitare in un isola felice, ma ogni tanto ho bisogno di respirare aria diversa, di parlare con persone che mi mettono in difficoltà, ho necessità di scoprire e vivere panni sempre diversi

Vooolare OOOOooo

Non mi strappo i capelli per volare, però non mi limito le possibilità di viaggio

So che sono moltissime le persone, che come me, hanno un po’ di strizza di stare in aereo e come me, prendono il coraggio e comprano biglietti

Il mondo è affascinante, non potrei mai pensare di non raggiungere un posto che voglio vedere perchè ci si va volando

E’ così che è successo anche per Stoccolma: domani a quest’ora sarò ad Arlanda, in attesa della valigia

Mi sono svegliata un giorno, poche settimane fa e ho pensato: voglio andare in Svezia… mi sono collegata ad internet e nel giro di poco tempo avevo già volo, prenotazione albergo e tessera per girare con i mezzi pubblici

Ci vediamo presto, starò via solo qualche giorno!

VooooOOOOlaareeeeeee OOOOOooooOOOOOOOOOo

v

Sanremo 2010, partenza e arrivo

Cronostoria del festival di Sanremo … dal lato LaVale!

Non chiedetemi se tizio è gay o se caio porta il parrucchino … ma se avete dubbi o perplessità.. sono qua, arrivata a Sanremo sana e salva,

partita questa mattina con il fidato Jury da Cesena …

siamo partiti così :

notate nulla???

il case nero è uno dei due valigioni carichi di strumentazioni per trasmettere … ma sopra e sulla destra ci sono i nostri potentissimi mezzi!

Quest’anno, al 16° festival di Sanremo che seguo, dopo aver sfasciato non so quante scarpe da ginnastica nel percorso cittadino che va dal mio albergo all’ariston e dall’ariston alla sala stampa e poi dalla sala stampa al mio albergo ; dopo aver creato polpacci che nemmeno Totti dopo un campionato intero detiene;

dopo aver forgiato i polmoni accrescendo il fiato tanto che nemmeno Pellizzari mi puo’ battere;

dopo aver speso centinaia di euro in cerotti per vesciche …

abbiamo avuto la brillante idea di dotarci di Graziella !!!

Nel giro di un pomeriggio siamo già additati come pazzi scatenati.. visto che dribbliamo il traffico come nemmeno Totò Schillaci ha mai potuto fare !

W Sanremo by bike … solo che qua ci sono un sacco di salite !

a domani , sarò più seria, lo prometto !!

v

“Coggice” Ergo Sum

“Coggice” ergo sum : la vera storia del mio povero fondo schiena !

In principio fu fondo schiena, mediamente largo, non particolarmente prominente (non assomiglia minimamente ai ben più famosi modelli latino americani, anzi, è bassino e un po’ schiacciatino) , ora è più schiacciatino e livido!

La settimana scorsa io e “Coccige ergo sum” siamo partiti insieme per la classica settimana bianca, che nel giro di pochi giorni si è trasformata in incubo per il mio amico fondo schiena

Ogni mattina alle 08.45 avevo lezione di Snow Board e fedelmente mi accompagnava, fasciato da mutandoni della nonna, collant di lana e pantaloni da snow. Temo che dal terzo giorno mi abbia accompagnata contro la sua volontà, ma diversamente non poteva fare .

Nelle prime ore di lezione partecipava aiutandomi nella risalita da terra, poi ha scelto di scioperare … così ho dovuto imparare a mettermi in piedi dando le spalle alla valle, usando le fidate ginocchia

Purtroppo ha deciso che una settimana di lezioni di snow e seguente prove “Valentinesche” fossero troppo per la sua innata pazienza … così negli ultimi due giorni di settimana bianca il solo sedermi in seggiovia era per il mio (ex) amico Coccige,  una pena inflittami duramente e … la sfida finale l’ha vinta lui :

5 km di slittino in notturna … ne ho dovute fare una buona metà camminando, l’altra metà sulla pancia !

Comunque sia … sono tornata sana e salva, lo snow è divertentissimo … un giorno lo saprà anche il mio sedere !

Valentina

ci riSiamo!

Sciarpa ok, anche il berrettino…

ma sopratutto il caschetto, le polsiere e le ginocchiere!!!

dopo 31 anni di onorata “carriera” sciistica quest’anno parte la lunga stagione dello snow!

Vado in ferieeeeeeeeeee!!!! ma prima termino le ultime due ore di diretta 2009, sì.. ho vinto il premio e dalle 19.00 alle 21.00 di questa sera farò il riassunto di 12 mesi di InfoChiocciola

Ciao a tutti .. tornerò sana e salva l’11 gennaio e BUON TUTTO A TUTTI !!!!!

Valentina

Voci precedenti più vecchie