Aggiornamento Bio Wash Ball

Buongiorno!

questa mattina è arrivata la Bio Wash Ball, di cui ho scritto qui

8 giorni per averla a casa con corriere,  ho speso 48 euro totali, comprese tasse e spedizione, contro i 32 euro che indicava Beppe Grillo nel suo spettacolo e anche in qualche sito linkato al blog di Grillo

il foglietto illustrativo è in inglese, francese e tedesco , leggendo rapidamente confermano che la sua durata è di circa tre anni, che non occorre aggiungere detersivo (qualora i panni non siano molto sporchi) e che è molto valida per togliere odore di sudore da panni usati per lo sport

Proseguendo nel foglietto illustrativo dice di usarla con una temperatura non superiore ai 50 gradi, e nel caso di panni molto sporchi consiglia di usare un pochino di detersivo, circa un quinto di quanto si utilizzerebbe senza bio wash ball

Oggi c’è il sole, quindi la esporrò per utilizzarla già da domani: la prossima settimana nuovo aggiornamente !

una cosa simpatica: nella scatola mi hanno messo anche un pacchetto di caramelle e un infuso, omaggio !!

v

Annunci

127 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Valeria
    Ott 12, 2008 @ 05:56:12

    sono curiosa, come e’ andata?

    Rispondi

  2. iebiueb
    Ott 12, 2008 @ 15:40:05

    La ordino anch’io! Grazie della recensione.

    Rispondi

  3. mamozzi
    Ott 12, 2008 @ 18:29:17

    Adesso la curiosità è vedere se pulisce bene veramente!
    A proposito, nell’altro post parlavi di Kindle.
    Avevo letto qualcosa, ti passo due link: qui i contro e qui i contro. 🙂
    Ciao!

    Rispondi

  4. bricklane
    Ott 12, 2008 @ 22:06:09

    se non funziona vi posso vendere sempre degli ottimi detersivi realmente biodegradabili della Amway! ciao ! Smog

    Rispondi

  5. LaVale
    Ott 13, 2008 @ 08:46:25

    @VALERIA: per me è andata molto bene ! sono pienamente soddisfatta, attenzione: non si puo’ usare più di una volta al giorno ! dopo averla usata l’ho parcheggiata in frigorifero ed asciuga l’umidità da verdura, carne! voto 10 più
    @IEBIUEB: figurati
    @MAMOZZI: mi hai mandato solo contro !! ehehe, grazie mille! per la bio wash ball, io invece ho trovato solo buone cose, utilizzandola
    @BRICKLANE: ciao Franz, grazie per la dritta, cmq, la bio funziona bene, è anche vero che non avendo bimbi difficilmente ho cose super sporche, ma dal bugiardino allegato ho letto che si puo’ usare, in caso di panni molto sporchi, un pochino di detersivo, circa un quinto di quanto si utilizzerebbe senza pallina, sicuramente meglio biodegradabile !

    Rispondi

  6. Nicola
    Ott 13, 2008 @ 13:39:27

    ma… una domanda… ultimamente vivendo da solo mi sono lanciato nel “faccio una lavatrice unica con bianchi e colorati e uso le salviette acchiappa colore”. dici che con la biowashball posso farlo lo stesso?

    Rispondi

  7. LaVale
    Ott 14, 2008 @ 08:53:23

    @NICOLA: non ho mai usato quelle salvietta, il foglietto illustrativo indica di separare i colori

    Rispondi

  8. verypipuffa
    Ott 14, 2008 @ 09:01:36

    va esposta al sole? asciuga l’umidità nel frigo? la trovo già complicata… ;-P
    restando in tema di bucato “pulito” in tutti i sensi, io ho provato le noci. Non sono noci che si mangiano, ma delle bacche di un certo albero che nell’acqua sprigionano una sostanza saponosa che pulisce gli abiti. Se ne mettono 3/4 in un sacchettino di tela, si riutilizzano dalle 2 alle 4 volte a seconda della temperatura e del grado di sporco poi si smaltiscono dell’umido. Il sacchetto, ovviamente, si riutilizza quasi all’infinito. Non lasciano alcun odore sulla biancheria, non necessita l’uso di ammorbidente e sono consigliate a chi ha problemi di allergie ai detergenti.

    Rispondi

  9. adblues
    Ott 17, 2008 @ 15:06:42

    Mi viene in mente una cosa anzi due:

    a) la normalissima acqua, senza detersivi, ha già di per sè un potere pulente non indifferente. Il sapone (badate, sapone non i detersivi che sono un’altra cosa) ha lo stesso effetto della cenere che usavano le nostre nonne, fa in modo che lo sporco rimosso dall’acqua non si depositi di nuovo sui panni lavati ma venga eliminato facilmente dai risciacqui.

    b) normalmente si usa molto più detersivo di quanto non sia veramente necessario, anche le stesse istruzioni sulle confezioni sono molto “larghe” ed esagerate.

    Da questo ipotizzo che la palla non abbia alcun effetto sensibile.

    Ma badate, è solo una supposizione. Se avessi tempo libero mi piacerebbe fare una ricerchina e due esperimenti “come si deve”.

    —Alex

    Rispondi

  10. LaVale
    Ott 17, 2008 @ 15:14:02

    @VERYPIPUFFA: ne ho sentito parlare anche io, ma ho letto anche commenti negativi
    @ADBLUES: attendo il tuo tempo libero, continua a crescere anche la mia curiosità

    Rispondi

  11. Cristina
    Ott 18, 2008 @ 19:34:58

    una curiosita,ma il principio “lavante” della bio wash ball,qual’è?
    Insomma,per quale procedimento rimuove lo sporco?
    L’ho vista allo spettacolo di Beppe,e vorrei acquistarla,ma sono scettica.Grazie Cris

    Rispondi

  12. Jessica
    Ott 19, 2008 @ 12:39:46

    In questo video si dimostra come la pallina mostrataci da Grillo abbia effettive reazioni a contatto con l’acqua e altre no. Ovviamente l’esistenza delle palline versione “fake” ha fatto notevolmente crescere lo scetticismo…
    http://it.youtube.com/watch?v=ilF1tg85vkw

    Rispondi

  13. adblues
    Ott 19, 2008 @ 21:46:15

    Il fatto che il video sia prodotto dalla compagnia che produce (o importa) la palla lo rende istantaneamente non credibile; visto che l’inquadratura si stringe potrebbero anche avere messo dentro qualcosa nel bicchiere oppure potrebbero aver messo un po’ di varechina nel becker ancora prima di mettere le palline e l’acqua (basta una mezza goccia!).

    Dire che “la struttura dell’acqua viene alterata visto che diventa alcalina” è la più grande cavolata che abbia mai ascoltato, l’acqua è acqua! Casomai, nell’ipotesi più credibile, quelle palline potrebbero essere imbevute di una qualche sostanza alcalina che si discioglie in acqua.

    Comunque, se il potere lavante fosse dovuto solo al pH dell’acqua allora non servirebbero costose palle, basterebbe un poco della comunissima varechina.

    —Alex

    Rispondi

  14. Trap
    Ott 27, 2008 @ 11:13:17

    Allora, com’è andato l’esperimento? sono passate 2 settimane…

    Rispondi

  15. LaVale
    Ott 27, 2008 @ 11:24:17

    benissimo, io sono entusiasta non solo della pulizia, del non odore sui panni, ma anche della morbidezza che lascia !

    Rispondi

  16. newyorker
    Ott 28, 2008 @ 16:23:38

    pensavo fosse un nuovo detersivo per la mia lavastoviglie 😦

    Rispondi

  17. borbotting
    Ott 29, 2008 @ 11:25:49

    ustrega…(ciao, ti ho trovato per caso sul blog di molengai :-)) …la prendo anch’io…grazie!

    the borbotter

    Rispondi

  18. borbotting
    Ott 29, 2008 @ 11:26:47

    p.s. scusa la foto …non ho ancora capito come fare a cambiare il profilo che erroneamente ho inserito…nella realta sono molto piu’ UFO…

    Rispondi

  19. Taty
    Nov 04, 2008 @ 14:16:03

    Ciao!A me l’ha portata a casa il mio compagno. Devo dire che ero scettica . Il mio compagno lavora in pizzeria e ho provato a lavare i panataloni e il grenbiule sporchi da pomodoro e farina . Senza aggiungere nessun detersivo… sono venuti bianchi!

    Rispondi

  20. alfonso zoleo
    Nov 07, 2008 @ 14:03:50

    Ciao, sono un ricercatore di chimica all’Università di Padova. A prescindere dall’efficacia del prodotto, le spiegazioni date dai produttori sono assurde e inverosimili. Testuale:
    “La potenza dei raggi infrarossi rompe le molecole di idrogeno
    dell’acqua e combinandosi con l’ossigeno attiva le molecole
    dell’acqua aumentandone i movimenti molecolari, la
    penetrazione nei tessuti e quindi la forza pulente dell’acqua.
    Washing Ball sprigiona Ioni negativi in modo da indebolire la
    superficie dello sporco in modo tale che questo può essere
    rimosso facilmente senza uso di detergenti”.
    Le radiazioni infrarosse non possono scindere l’acqua, e sono emesse, come è noto, da tutti i corpi (si tratta della cosiddetta “radiazione di corpo nero”). Nell’acqua non ci sono molecole di idrogeno, ma atomi di idrogeno chimicamente legati all’ossigeno.
    L’ossigeno non “attiva” movimenti molecolari dell’acqua aumentandone la penetrazione…è una sciocchezza colossale priva di senso. I movimenti molecolari sono determinati dalla temperatura (e basta).
    E’ possibile che la ceramica sprigioni ioni negativi (e positivi insieme, visto che deve essere soddisfatta l’elettroneutralità), ma questo può essere fatto da un qualsiasi sale.
    E’ vero che questo modifica la forza ionica dell’acqua, il che, in genere, migliora la dissoluzione del detersivo e forse l’azione lavante.
    In realtà, la palla potrebbe migliorare il lavaggio, ma non per le sciocchezze riportate: le ceramiche possono facilitare l’ossidazione dei grassi da parte dell’ossigeno disciolto, perché ioni attivi alla superficie (quali Fe3+ o Cu2+ o Al3+) possono catalizzare (cioè rendere più veloce) la reazione di ossidazione. Ma questa non è l’azione lavante ordinaria, e dubito che l’ossigeno disciolto contribuisca significativamente alla rimozione dei grassi per ossidazione (questa reazione è usata, invece, quando si aggiungono perborato o varechina). Anche la reazione di saponificazione dei grassi, che distrugge lo sporco, potrebbe essere catalizzata da siti acidi presenti alla superficie delle ceramiche (o all’interno, se sono porose). Quest’azione è ben nota, per esempio, nelle zeoliti, che erano in effetti aggiunte ai detersivi (non so se si fa ancora). Penso che sia quest’ultima reazione che (se la palla funziona) è attivata per rimuovere lo sporco…

    Spero di essere stato utile

    Ciao

    Alfonso

    Rispondi

  21. Luigi
    Nov 08, 2008 @ 20:50:23

    Trattandosi quest’ultimo di un parere di un esperto, e non di un comico che mira ad essere santo, mi sembra di capire che i 48 euro spesi per qualche sasso drogato in superficie, siano una truffa bella e buona….

    Rispondi

  22. Ivan
    Nov 08, 2008 @ 22:27:52

    Ce l’ho anch’io ma nn c’è stato ancora un dì di sole.
    Pensi che prima di utilizzarla bisogna carcarla?
    Ciao da un forlivese.

    Rispondi

  23. Ivan
    Nov 08, 2008 @ 22:31:28

    Alfonso,mi hai fatto cascare un mito…. 😦

    Rispondi

  24. Elisa
    Nov 09, 2008 @ 23:37:24

    Grillino non è un santo ma uno che prova e mette in pratica. La pallina funziona indipendentemente dalle spiegazioni chimiche. Questo è sufficiente. Se poi ciò nn dovesse avvenire, il grillino ha smentito e sbeffeggiato tante cose nella sua vita che una più una meno non farà differenza.
    Se la pallina sarà una bufala, chi l’ha provata non dovrà far altro che dirglielo e lui cambierà. Che problema c’è? La forza sua siamo noi tutti assieme.
    buone lavatrici a tutti

    Rispondi

  25. adblues
    Nov 10, 2008 @ 14:46:11

    Elisa: quanto è deprimente leggere il tuo commento…

    —Alex

    Rispondi

  26. Cri70
    Nov 11, 2008 @ 13:54:41

    adblues tu sei deprimente…
    ho assistito allo show di Grillo e lui stesso l’ha provata sul palco con panni sporchi e una lavatrice. Cmq a monte di questo almeno lui qualcosa prova a farla, almeno lui ci prova a cambiare il mondo, almeno lui ci prova a ragionare con la sua testa… ma che ne parlo a fare con uno che sicuramente ha il dixan e il nelsen piatti nell’armadietto dei detersivi…..

    Rispondi

  27. ppch
    Nov 11, 2008 @ 14:44:17

    “adblues tu sei deprimente…
    ho assistito allo show di Grillo e lui stesso l’ha provata sul palco con panni sporchi e una lavatrice. Cmq a monte di questo almeno lui qualcosa prova a farla, almeno lui ci prova a cambiare il mondo, almeno lui ci prova a ragionare con la sua testa… ma che ne parlo a fare con uno che sicuramente ha il dixan e il nelsen piatti nell’armadietto dei detersivi…..”
    Ti assicuro che se guadagnassi 4 milioni e mezzo di euro all’anno per raccontare cavolate alla gente e ai creduloni, anche io farei di tutto e mi scaglierei contro tutti e tutto, sparandone di tutti i colori.

    Rispondi

  28. Little Big Horn
    Nov 11, 2008 @ 15:58:00

    la credibilità di Grillo è dimostrabile da due dati di fatto: 1° se fosse uno zerbino come altri guadagnerebbe molto di più … in mediaset.
    2° lui non è che ne spara di tutti i colori tanto per tirare a campare. Lui denuncia delle situazioni e dei comportamenti vergognosi, ma non finisce li si impegna in prima persona e si fa promotore di iniziative molto importanti per la società civile.

    Rispondi

  29. Lu
    Nov 11, 2008 @ 16:13:15

    Grillo approfitta della sua popolarita’ e del suo show per pubblicizzare un prodotto. Grillo fa’ lo show per guadagnare soldi.
    Grillo puo’ pubblicizzare un prodotto per soldi, come fanno tanti in televisione e non, ed allora non s’interessa della reale bonta’ del prodotto.
    Grillo puo’ pubblicizzare un prodotto per salvare il mondo, ed allora dovrebbe realmente interessarsi al suo funzionamento, alla sua efficacia ed al suo reale impatto ambientale.
    Grillo comunque, per qualsiasi motivo lo faccia, procura un beneficio economico alla ditta produttrice che difficilmente in campo commerciale viene ricambiato con un semplice grazie.
    Personalmente le urla di Grillo mi ricordano quelle di Vanna Marchi e se vogliamo essere pragmatici, penso che sarebbe stato sufficiente analizzare l’acqua di scarico della lavatrice per vedere cosa realmente produce il tanto decantato effetto lavante.

    Rispondi

  30. Cri70
    Nov 11, 2008 @ 17:08:05

    Adesso capisco perchè in Italia siamo ridotti così, perchè nessuno è più in grado di usare la propria testa per ragionare, meglio seguire la massa è più facile… bravi.. bravi.. nemmeno di chi l’ha provata vi fidate, complimenti, meglio credere alle grandi multinazionali… è più facile ci si creano meno problemi, bravi… bravi…

    Rispondi

  31. Lu
    Nov 11, 2008 @ 17:32:38

    CRI70 – Siamo tutti a favore dell’ambiente, almeno a parole. Ma spesso ci fidiamo di gente che ci abbaglia con ecopanzane e noi in buona fede alla fine facciamo piu’ male all’ambiente e siamo pure orgogliosi.
    Io non credo a nessuno, soprattutto alle multinazionali. Vado sempre in cerca di prodotti innovativi, ma prima di giurare sulla loro bonta’ cerco di capire cosa sono realmente. Su questo prodotto ce ne sono talmente tante di ombre che credo basti poco per almeno sospettare. Una su tutte: va messo al sole! I componenti attivi sono all’interno ed il sole li puo’ raggiungere solo attraverso minuscoli forellini, quindi quasi per nulla.
    Non mi potete criticare perche’ cerco di capire!!!! Si puo’ NON usare la testa e seguire la massa in altri modi, quando invece si pensa di essere originali, alternativi ed ecocompatibili…
    Metto qui un link che potete consultare… http://www.universocucina.com/forum/topic5833.html

    Rispondi

  32. Mauro
    Nov 11, 2008 @ 17:41:03

    Sono daccordo con Cri70
    Siamo un popolo di diffidenti stupidi, internet ci permette di confrontarci fra sconosciuti, non penso che qualcuno si metta a navigare come un pazzo per publicizzare che un suo prodotto funzioni, quindi ritengo che le prove di chi le ha provate siano genuine. Siamo diffidenti solo perchè è roba nuova. Ritengo che una spiegazione valida sia quella del chimico, che tra l’altro non esclude che funzioni.
    Se chi l’ha usata dice che funziona, perchè dubitare?
    Quindi se non vi fidate dei post, perchè non tornate a guardare la tv?

    Rispondi

  33. Lu
    Nov 11, 2008 @ 17:55:05

    A seconda di come la si gira, si puo’ anche dire che siamo un popolo di creduloni stupidi.
    Dare dello stupido a qualcuno e’ molto semplice e molto italiano. Argomentare, e’ cosa piu’ difficile, che richiede un certo sforzo. Sarei felice che una simile invenzione funzionasse, ma permettetemi di avere dei legittimi dubbi. E permettetemi di cercare dei pareri di esperti per capire se la dobbiamo chiamare “palla magica” o “palla che al suo interno contiene particelle drogate da sostanze chimiche che vengono rilasciate ad ogni lavaggio (con un dubbio effetto lavante e un dubbio beneficio per l’ambiente)”
    Potete andare in 10.000 a vedere la lavatrice di Grillo o potete guardare la Tv…. il senso non cambia

    Rispondi

  34. LaVale
    Nov 11, 2008 @ 18:15:19

    @TUTTI: il giorno che ho postato questo aggiornamento è stato in seguito al mio utilizzo della biowashball, che ho comprato per semplice curiosità .. come ho scritto in diverse risposte a voi che avete commentato, quello che imprimo qui nel MIO blog è la MIA esperienza, che potete non condividere, potete commentare, purchè i commenti siano gentili e abbiano un senso. Leggere piccole offese e frecciate è davvero brutto, poco edificante per chi le scrive .
    Uso la lavatrice tutti i giorni della settimana , i panni sono di due persone adulte che praticano sport, ma sostanzialemente mai macchiati. Fino a questo momento ogni indumento lavato con la biowash ball nella mia lavatrice ne è uscito pulito (non era comunque macchiato) e sopratutto senza odori sgradevoli . Non ho buttato via il detersivo che tenevo in casa, il giorno in cui i panni non verranno puliti riproverò aggiungendo un quinto del detersivo che avrei usato se non avessi avuto la biowash ball, se non verranno puliti ancora, sarà il nuovo gioco per il mio cane. L’analisi chimica di cosa è contenuto nella biowash ball sarebbe gradita, qualora qualcuno la volesse postare!

    Rispondi

  35. steve
    Nov 11, 2008 @ 19:08:39

    nella palla c’è zeolite che sprigionata durante il lavaggio e aiutata dallo sbattimento della palla sul tessuto elimina lo sporcho. la zeolite deve essere perfettamente asciutta e pure un po calda,(il sole quindi) saluti a tutti puliti e sporchi! steve

    Rispondi

  36. giuseppe
    Nov 11, 2008 @ 19:11:26

    sono un commerciante le ho provate e funzionano. ho intenzione di venderle . non mi risulta che vadano usate una volta solo al giorno. si usa una ball per 4kg di bucato. per oltre se ne usano 2.
    se lo sporco e’ particolarmente resistente si usa un max 20% di detersivo.
    temperatura max 50°. non fa miracoli lava via lo sporco che laverebbe un qualunque detersivo. ovviamente igenizza ,ma il bucato non e’ profumato , anche se a questo si puo ovviare. inoltre io la vendo con la formula soddisfatti o rimborsati e questo garantisce il cliente dalla bufala. ciao

    Rispondi

  37. adblues
    Nov 11, 2008 @ 21:29:40

    Ti pareva che non saltassero fuori le multinazionali cattivone che vogliono distruggere il mondo per il loro profitto, quindi, per metterlo in tasca alle multinazionali cattivone è giusto credere che gli asini volino (basta che non lo dicano le multinazionali però!).

    Fate come volete, credete pure al santone Grillo.

    Ben due chimici su questo blog hanno cercato di spiegare scientificamente come non sia possibile che questa palla possa sostituire in toto i detersivi, vi hanno anche spiegato che anche l’acqua calda da sola ha un certo (limitato) potere lavante. Inoltre (badate bene) anche la ditta produttrice stessa dice di mettere un po’ di detersivo per i panni più sporchi. Come mai invece non basta mettere più palle?

    Mi ripeto, credere a quello che volete, non abuserò oltre dell’ospitalità di Vale (scusa!) per intervenire di nuovo su questo argomento.
    Per me è chiuso e sepolto.

    —Alex

    Rispondi

  38. Lu
    Nov 12, 2008 @ 09:58:04

    Scusa se approfitto ancora della tua ospitalita’, ma forse a qualcuno puo’ far piacere sapere che la ditta svizzera che (stando a quel che dice Grillo), produce le bio wash ball e’ solo un importatore e distributore. Il reale produttore e’ la Yuyao Sunshine Plastic Co., Ltd. , ditta cinese che produce varie palle lavanti tra cui quella svizzera. http://seaball.en.alibaba.com/. Vengono vendute all’ingrosso a circa 1 dollaro. Dalla Cina ultimamente ci stanno arrivando solo prodotti tossici e inquinanti…. sembra strano che questo prodotto sia invece una benedizione per l’ambiente…

    Rispondi

  39. giuseppe
    Nov 14, 2008 @ 08:24:05

    basta provarlo e poi parlarne
    non credete ?

    Rispondi

  40. adblues
    Nov 15, 2008 @ 15:42:36

    Eh eh, caro Giuseppe…
    Perché mai dovremmo spendere soldi sulla parola di un santone (o sulla tua) quando la scienza (e la logica) ci dicono già che non può funzionare?

    —Alex

    Rispondi

  41. adblues
    Nov 15, 2008 @ 15:43:49

    Mi correggo: al posto di “non può funzionare” volevo dire: “non può dare i risultati promessi”.

    —Alex

    Rispondi

  42. fabio
    Nov 17, 2008 @ 10:53:20

    E’ chiaro che “lu” e “adblues” hanno un obiettivo che prescinde da tutto: screditare Grillo.

    “Perché mai dovremmo spendere soldi sulla parola di un santone…”
    Ma che vuoi? Non fare nulla, non credere a Grillo, continua a lasciare che le cose vadano come stanno andando (se poi per te le multinazionali hanno a cuore l’ambiente, la discussione finiesce qua).
    Ma chi ti ha chiamato? Sei venuto qua solo per dire che Grillo ha torto e tu hai ragione?

    Grillo dice sempre: pensate con la vostra testa, non credete a nessuno, neanche a me.

    – Vale ha voluto provare il prodotto.
    – Ha scoperto che funziona veramente e ne parla agli altri
    – Adblues dice “ma perchè ci dovremmo fidare”. No, e allora non fidarti, ma smettila di scrivere robe senza senso…

    Rispondi

  43. LaVale
    Nov 17, 2008 @ 12:02:34

    @FABIO: ho scelto di pubblicare tutti i commenti perchè la discussione INTELLIGENTE è il miglior modo per avere più informazioni utili, quindi i commenti tecnici sono sempre bene accetti ed i pensieri altrui pure! Come io non mi permetto di invitare persone a non commentare, chiedo che tu e chiunque altro non ordini a nessuno di smettere di scrivere .. Chiunque puo’ essere in disaccordo e segnalarlo, sempre nel rispetto di tutti. La verità in tasca, su questo argomento, credo ce l’abbia chi ha informazioni chimiche e non tanto persone che come me l’hanno comprata senza conoscerne effettivamente il contenuto. Non sto demonizzando Grillo, anche se in qualche occasione ho trovato essere una persona che predica bene, ma razzola male . Sto cercando, con questo mezzo , di capire meglio come funziona

    Rispondi

  44. francesca menegazzo
    Nov 18, 2008 @ 15:01:55

    Immagino che queste “ceramiche ” lavanti contenute nella Bio wash ball siano dei zeoliti sintetici. Dei zeoliti usati per lavare in modo ecologico ne ho sentito parlare ben prima di Beppe Grillo.
    Per chi fosse interessato ad approfondire consiglio di vedere il sito di un produttore italiano:www.zeo.it.
    Sarebbe interessante a questo proposito un parere dei chimici.
    Forse così si potrebbe fare più chiarezza aldilà della questione “Grillo”
    Ciao, Fra

    Rispondi

  45. giuseppe
    Nov 18, 2008 @ 18:26:27

    molti di noi usano farmaci senza andare a chiedersi quale molecola contengano e quale principio li fa funzionare . eppure l’industria farmaceutica a fatto tanti danni. perchè pecore in alcuni casi e leone in altri. questo accanimento sul principio delle biowashball e’ esagerato. basterebbe provarle.
    accanirsi contro grillo che promuove una cultura ambientalista e’ anomalo. anche se siamo politicizzati nelle nostre scelte bisognerebbe comunque essere aperti alle proposte altrui. nella storia umana molti ritrovati tecnici sono state contrastati eppure oggi sono di uso quotidiano. saluti

    Rispondi

  46. adblues
    Nov 18, 2008 @ 20:15:31

    Caro Fabio, a parte il fatto che ti trovo estremamente maleducato, la cosa più interessante (addirittura sotto il profilo sociologico) è il fatto che ti fidi più di Grillo che di test ed informazioni scientifiche e riproducibili.
    Fai pure non volevo distoglierti dal tuo mondo fatto di certezze.

    Per Giuseppe: l’efficacia dei farmaci è provata da 5-7 anni di sperimentazioni cliniche che producono tonnellate di dati che ogni agenzia del farmaco (FDA in USA, EMEA in Europa, etc.) valuta con criteri scientifici prima di autorizzarne la messa in commercio. Non solo, ogni nuovo farmaco deve dimostrare di essere più efficace di quelli attualmente in commercio in caso contrario non ne viene autorizzata la vendita. Ovvio che poi su 7 miliardi di esseri umani e con tutte le combinazioni tra farmaci possibili ed immaginabili qualche cosa possa andare anche storto ma questo punto è più fatalità che dolo. Se vai all”Istituto Superiore di Sanità puoi consultarle.

    Poi magari mi spiegherai che vuol dire essere “politicizzato”; sappi però che mi definisco logico/razionale/scientifico. Non provo la palla perchè le basi scientifiche sono labili ed inconcludenti e la sua efficacia può essere paragonata più o meno a quella dell’acqua sola o dell’acqua e cenere che usavano le nostre nonne. È come se una pubblicità cercasse d venderti un telefonino a onde telepatiche: lo compreresti “anche solo per provarlo prima di dire che non funziona”? Io dico di no…

    Ah, dimenticavo, ti sfido a portarmi un esempio di un ritrovato tecnico “contrastato” che invece oggi è di uso comune…

    E per concludere, sebbene lo preferissi quando faceva il comico, non ho niente contro Grillo “in toto”, questo però non mi esenta dal criticarlo quando sostiene teorie senza averne le basi o le prove, come quando voleva farci credere che due cellulari potessero cuocere un uovo per “colpa” della radiofrequenza emessa.

    —Alex

    Rispondi

  47. francesca
    Nov 19, 2008 @ 11:21:17

    Ah, bello il razionalismo e le sue certezze!
    Peccato che poi la realtà non sia poi così semplice e lineare. E’ di poco tempo fa la notizia che buona parte dei farmaci entrati in commercio nel corso dell’ultimo anno-ora non ricordo esattamente i numeri ma circa il 70%- non sono affatto nuovi ma copie di quelli già esistenti, perciò inutili.
    E se la sperimentazione fosse così perfetta, la cronaca non riporterebbe continuamenti notizie di farmaci risultati gravissimi per la salute. Per esempio è recente il caso di un farmaco per abbassare la pressione gravissimo per il cuore e oggetto in America di una Class action. O ancora l’Aulin qui da noi di uso comunissimo ma già vietato in molti paesi per i suoi effetti collaterali…In effetti siamo troppo spesso vittime del marketing e del consumismo, che ci porta a comprare compulsivamente o inconsciamente cose per soddisfare bisogni indotti. Consiglio a proposito la lettura di Judith Levine “Un anno senza comprare”.
    E molti dei prodotti che usiamo anche per la pulizia rispondono spesso ai requisiti di un “efficientismo” molto moderno che non tiene conto dei danni collaterali e che evidentemente non è più sostenibile.

    Perciò meglio meditare e soprattutto: informarsi!

    Rispondi

  48. adblues
    Nov 19, 2008 @ 20:09:49

    Francesca, Francesca… Non confondere i generici con le nuove molecole, per favore…

    E tutte le storie sui pericolosissimi effetti collaterali (ed includiamo anche l’Aulin) nascono al 90% da usi off-label (ossia non autorizzati) da associazioni tra farmaci (non possono essere testate tutte e molti pazienti prendono medicinali prescritti da medici differenti all’insaputa l’uno degli altri o spesso anche senza prescrizione, magari perchè l’avevano prescritto al marito o al nonno…

    Credimi, dalla Talidomide ad oggi ne è stata fatta di strada, ma ricordiamoci anche che la perfezione non esiste.

    In ogni caso lungi da me difendere a spada tratta la sicurezza dei farmaci, ricordatevi l’etimologia della parola: dalla parola greca pharmakon che significa egualmente veleno e medicina. Ogni medicina ha tremendi effetti collaterali, il loro uso deve essere attentamente valutato per vedere se i benefici sono maggiori dei rischi… Certo che se si ingurgitano così come se fossero caramelle…

    Appunto, informiamoci e acquisiamo la conoscenza che ci permette di dubitare delle palle miracolose…

    —Alex

    Rispondi

  49. francesca
    Nov 19, 2008 @ 21:34:03

    eh gia, le nuove molecole sono proprio poche, e la sperimentazione costa, costa molto. E siccome i brevetti hanno una vita limitata le case farmaceutiche fanno fatica a portare avanti la ricerca , e quindi la sperimentazione continua su cavie vere; i malati. A volte va bene, a volte va male.
    Questo solo per dire che la fiducia nell’efficacia della farmacologia moderna non è molto diversa nella fiducia nel bianco che più bianco non si può. Sotto sotto c’è il trucco, e io il trucco voglio conoscerlo prima di decidere se mi sta bene o no. Magari poi decido che fa al caso mio, ma prima voglio saperlo. Voglio sapere quali sono gli effetti collaterali della mia scelta.

    Rispondi

  50. adblues
    Nov 19, 2008 @ 23:03:06

    Certo che la ricerca costa, e di 10 molecole che entrano in fase 1, solo 1 arriverà sul mercato con un costo che va dai 5 ai 12 miliardi di dollari. Solo le case più grandi e serie possono permettersela ed infatti la fanno dedicando intorno al 20% del fatturato annuo.

    Ma solo i disinformati pensano che le case farmaceutiche possano mettere i loro prodotti sul mercato quando e come vogliono…
    Peccato che l’iter degli studi clinici sia rigidamente codificato e controllato e nessuno può fare di testa sua o accorciare a piacimento gli studi.

    Come ho già detto (solo per chi vuol ascoltare, ovviamente) la sicurezza al 100% non esiste ed è per questo che sono obbligatori per legge gli studi clinici post-marketing e l’istituzione delle unità di farmacovigilanza.

    Sostenere che le aziende fanno fare da cavia ai pazienti è semplicemente una “sparata” ad effetto… degna di “studio aperto”…

    —Alex

    PS = scusa Vale….

    Rispondi

  51. marina
    Nov 20, 2008 @ 13:58:35

    Vale, ciao. Io e alcuni amici stiamo per fare un ordine cumulativo di una ventina di palle. Ho letto tutto il dibattito perchè sto cercando su internet qualche testimonianza, essendo la biowashball ‘nuova’. Devo dire che da tutto quello che ho letto, tralasciando l’argomento farmaceutica, e certe polemiche inutili, credo che valga la pena provarlo.
    Alcuni miei colleghi non la vogliono comprare per non far giungere a Grillo 1 € di commissione che dice di avere concordato con la produttrice. Questa è l’ignoranza, pur di non far guadagnare un individuo x, io mi precludo la possibilità di avere un metodo alternativo per lavare e risparmiare. Possibilità, perchè finche’ non proviamo non sappiamo.
    E invece è giusto alimentare la produzione di involucri, differenziazione del prodotto a volte un pò arrampicata, tutti fattori che ci aumentano inverosimilmente il prezzo dei detersivi, e producono molti scarti difficili da smaltire? Continuiamo così su questa strada senza provare una strada alternativa?
    Che patetiche certe esternazioni di ignoranza che siano da ottusi o da polemici, comunque inutili.
    Io penso che ne valga la pena.

    Ciao Vale, che bello il tuo blog. 🙂
    marina

    Rispondi

  52. adblues
    Nov 20, 2008 @ 16:46:41

    Alfonso: abbiamo sbagliato mestiere, dovevamo fare i cartomanti non i chimici: studiavamo di meno e guadagnavamo sicuramente di più… 😉

    —Alex

    Rispondi

    • Bex
      Nov 03, 2011 @ 12:55:49

      Di certo non potevi fare il comico o l’esploratore, tanto meno occuparti di polis visto come la pensi sulle farmaceutiche e grillo..
      Magari l’opinonista, quello si, ma ultimamente avresti troppa concorrenza forse e’ meglio di no, ok continua a fare il rompi washball!

      Rispondi

  53. adblues
    Nov 20, 2008 @ 16:47:26

    Vale scusa il grassetto… M’è scappato!

    —Alex

    Rispondi

  54. FabioT
    Nov 21, 2008 @ 12:04:21

    Visto che proviene dalla Cina, vogliamo considerare anche il suo effetto nell’ambiente qualora dovesse essere nocivo?
    Nessuno ha mai fatto analisi approfondite su ‘ste palline?
    La Cina sta esportando di tutto di più e con effetti letali a volte (latte,giochi ecc.ecc.).
    Siamo creduloni se compriamo il prodotto supportato solo da dicerie. Tanto più da Beppe Grillo che solo il comico può fare, non l’ambientalista, non il paladino dell’ecosostenibilità.
    Si deve parlare con cognizione di causa, sempre. Soprattutto quando si parla del nostro ecosistema, messo in crisi sempre più da prodotti innovativi….
    Ma usiamo la nostra materia grigia che NON è cenere. Cerchiamo di approfondire da dove arrivano le ‘biowash’.
    Non metto in dubbio che funzionino, ma metto in dubbio la loro efficacia per l’ambiente. Chi mi dice che non sia uranio impoverito sinterizzato?
    Certo che poi se si scoprisse questo…bella figura degli ambientalisti o cosidetti tali.
    Ricordo che nonostante ci siano state numerose inchieste sui maghi e santoni fasulli, ancora oggi ci sono persone che rimangono raggirate da questi ‘imbecilli’…ergo…
    A tutti buona lavatrice con poco detersivo

    Rispondi

  55. Pino
    Nov 22, 2008 @ 23:56:34

    Ciao a tutti.
    Sono un Perito Industriale in Elettrotecnica e in Automazioni, una persona a cui piace studiare, perché mi piace imparare, soprattutto materie tecniche, chimica compresa.
    Oggi mi hanno parlato di questa washing ball, sono ormai 3 ore che guardo video, leggo forum a riguardo ecc. ecc…
    CONCLUSIONE
    Sto cominciando a preoccuparmi seriamente.

    Da una parte, si legge che i tecnici che si sono interessati alla washing ball, ne hanno dedotto L’INFONDATEZZA SCIENTIFICA delle spiegazioni date da chi le vende.

    Dall’altra parte si legge che tutti quelli che la provano, dicono che FUNZIONA DAVVERO.

    Comincio a farmi delle domande:
    Perché non spiegano in modo chiaro e scientificamente dimostrabile, la nuova tecnologia?
    Cosa nascondono con queste spiegazioni INFONDATE?
    Se qualcuno ha trovato una NUOVA TECNOLOGIA di lavaggio, che eviterebbe l’enorme inquinamento dei detersivi, che purtroppo dobbiamo pur usare, se vogliamo lavare i capi che indossiamo, perché non si rivolge per pubblicizzare il suo prodotto, a canali ufficiali di pubblica sicurezza come l MINISTERI DELL’ AMBIENTE, DELLA SANITà ecc.ecc.

    Se una manciata di palline di ceramica con NESSUNA SPIEGAZIONE SCIENTIFICA FONDATA, LAVA DAVVERO e per COSì TANTO TEMPO, allora ci deve essere qualcosa di MOLTO FORTE, che COSA?
    Non sarà per caso che sono palline RADIOATTIVE, per essere così potenti e per tanto tempo?
    A Me la PREOCCUPAZIONE è venuta seriamente, e non mi fido proprio, finché non ci sarà un istituto ufficialmente riconosciuto, che ne attesti la non radioattività e ne dia una spiegazione scientifica della nuova tecnologia di lavaggio.

    Rispondi

  56. adblues
    Nov 23, 2008 @ 15:17:17

    Pino: Tranquillizzati, anche se fossero fatte di Cobalto 60 non laverebbero meglio… 🙂

    La palla lava né più né meno come la semplice acqua…
    L’unico effetto certo che ha è quello di ingrossare il conto in banca dei suoi produttori, degli importatori e dei rivenditori.

    A questo punto bisognerebbe che Vale (l’unica che in questo thread mi pare essere onesta intellettualmente) facesse due bucati con panni sostanzialmente sporchi nello stesso modo, uno con la palla e un altro senza niente, solo acqua calda e niente più, per vedere se il risultato è sostanzialmente differente.
    Non sarà un esperimento scientifico ma almeno ci si avvicina (ed i risultati non saranno certo da prendere come oro colato).

    Ah, a detta di un mio amico riparatore, nelle lavatrici, visto il largo eccesso di detersivo consigliato (furbescamente) dalle case produttrici, si ritrova del detersivo anche dopo 10 cicli fatti con acqua solamente… CHi ha orecchi… intenda.

    —Alex

    Rispondi

  57. zdora
    Nov 23, 2008 @ 15:58:08

    mamma mia vale, per una palla si scatena tutto sto putiferio…tra commentatori che cercano di scoprire cosa c’è sotto in modo adulto, ragionando, ed altri che con aria saccente espongono il loro oracolo che nessuno può contraddire…dai, proveremo a sporcare due magliette con la tenerina al cioccolato e poi vediamo quale si pulisce meglio (tenendo rocco a debita distanza, che se no le pulisce lui)

    Rispondi

  58. LaVale
    Nov 24, 2008 @ 09:49:05

    @ADBLUES: chiaro che proverò .. ho già fatto più di una decina di lavaggi senza detersivo in lavatrice (in effetti avevo pensato ai residui, anche se tengo la vaschetta del detersivo sempre pulita) … sto però meditando di darti notizie in privato !! 🙂
    @ZDORA: e poi … mi toccherebbe di lavare i denti a rocco, ed è un impresa mica da poco !!

    Rispondi

  59. adblues
    Nov 24, 2008 @ 11:16:51

    Grazie Vale! 🙂

    —Alex

    PS = se appare “saccente” chi espone dei dati scientifici (e quindi certi) e se i suddetti dati scientifici vengono paragonati ad “oracoli”… Mah… Allora viva il mago Otelma

    Rispondi

  60. zdora
    Nov 24, 2008 @ 12:11:42

    è il come che differenzia commenti saccenti da commenti costruttivi. non avendo fatto specifici riferimenti deduco che ci sia chi “soffre” di coda di paglia.

    Rispondi

  61. zdora
    Nov 24, 2008 @ 12:13:30

    ah! mi son persa la parte più importante! vale: son abituata a pulir vomitini cacche e pipì varie, un lavaggio di dentini santissimi del tuo rocchino santissimo scivolerebbero via come acqua fresca!

    Rispondi

  62. adblues
    Nov 24, 2008 @ 14:12:55

    No, Zdora cara, niente coda di paglia.
    Solo che avendo una formazione scientifica e trovandomi spesso a difendere posizioni scientifiche e razionali da chi vorrebbe far credere che solidi dati scientifici godano della stessa dignità delle dicerie dell’ultimo arrivato, non è la prima volta che sento formulare l’equazione: “scienza” = “saccenza” e la cosa mi fa’ enormemente girare le scatole. Il mio commento era volto a ottenere un chiarimento da te (ottenuto, grazie).

    —Alex

    Rispondi

  63. Mariozi
    Nov 24, 2008 @ 16:52:28

    Salve a tutti,
    sono ingegnere elettronico e lavoro in una multinazionale che produce, tra le altre cose, lavatrici. Vi anticipo subito che, per i motivi già esposti questa palla non funziona o, meglio, non è in grado di mantenere ciò che promette, semplicemente perchè le ceramiche non possono fare ciò che questi signori affermano.
    Gli unici effetti benefici riscontrabili sono relativi al fatto che una delle principali azioni utili alla demolizione dello sporco è quella meccanica (i capi vengono agitati, rivoltati e sbattuti per effetto della rotazione del cestello); ad essa si affianca l’azione del detergente chimico, tanto maggiore quanto maggiore è la temperatura. Ovviamente un corpo solido (la palla) inserito nel cestello aumenta e migliora l’azione meccanica, esattamente come quello che faceva mia nonna quando lavava i panni presso il fiume: i capi più sporchi dovevano essere lavati per primi, quando ancora le braccia erano belle riposate e potevano colpire forte; i capi meno sporchi, quindi, per ultimi. Comunque, il contributo complessivo di questa palla è sostanzialmente trascurabile.
    E allora perchè a molti pare funzionare? Beh, è difficile dare una risposta esaustiva, tuttavia la mia personale sensazione è la seguente: teniamo presente per prima cosa che il tipico sporco che possiamo ritrovare sui vestiti è idrosolubile in gran parte (anche la cacca dei bambini lo è, anche la terra con cui giocano lo è); lo sporco grasso non idrosolubile si scioglie comunque per azione della temperatura, e tende a staccarsi dai vestiti; poi, moltissimi utilizzano dei pre-trattanti mirati direttamente sulle macchie più evidenti. Infine, i residui di detergente nella lavatrice ma anche nei vestiti non sono per niente trascurabili, anche dopo numerosi lavaggi in acqua pulita (si tenga anche presente che mediamente si utilizza una quantità di detergente esagerata in relazione allo sporco presente sui capi, anzi il mio consiglio è di riferirsi sempre alla quantità minima indicata per sporco e durezza e dividerla per 2).
    In merito a quest’ultimo punto la diffusione di questa palla potrebbe anche portare un vantaggioso side-effect: l’inquinamento da tensioattivi potrebbe ridursi drasticamente senza intaccare la soddisfazione del consumatore…

    Rispondi

  64. zdora
    Nov 25, 2008 @ 10:51:56

    esempio di “scienza” senza “saccenza”. si può, quindi.

    Rispondi

  65. Mariozi
    Nov 25, 2008 @ 11:54:40

    Boh, francamente non mi pare che in questo thread gli interventi di Adblues o di Alfonso possano definirsi saccenti. Mi è parso piuttosto di riscontrare da parte di alcuni atteggiamenti fideistici anche al limite del fanatismo, cosa che preclude un qualunque tipo di confronto raziocinante e costruttivo.
    Affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie e non credo che nessuno dotato di buon senso possa accontentarsi di un semplice “l’ho vista/provata e funziona” di fronte ad una palla che se davvero funzionasse ribalterebbe acquisizioni, esperienze e conoscenze anche di base maturate da Lavoisier in poi…
    Cioè dai una palla che lava e pulisce e abbatte la carica batterica e si rigenera al sole… a questo punto dico io perchè non provare la palla magnetica (anch’essa promette risultati di lavaggio eccelsi) oppure l’addolcitore magnetico per l’acqua, ma anche l’acqua diamante, l’urinoterapia, l’omeopatia, i nodi di hartmann nella bioarchitettura… ce n’è per tutti i gusti, basta cercare.
    Comunque, se il vostro scopo è di inquinare poco: utilizzate sempre la quantità minima di detersivo (io divido anche per 2), per macchie ostiche (es. il girocollo delle camicie) utilizzate pre-trattanti o anche detergente liquido standard lasciato per una decina di minuti direttamente sulla macchia senza aumentare la quantità di detergente nel cassetto, non riempite il cestello in modo esagerato, non utilizzate ammorbidenti; nella lavastoviglie niente tablets (tablets=demonio, ok?) ma polvere, riempite a metà, niente brillantante o profumanti vari (nel caso di cene a base di uova/pesce aggiungete a pioggia sui cestelli un mezzo bicchiere scarso di aceto bianco), se la lavastoviglie è dotata dell’opzione 3 in 1 lasciatela disabilitata.

    Rispondi

  66. adblues
    Nov 28, 2008 @ 19:00:37

    Vediamo se qualcuno darà dei “venduti” o dei “saccenti” anche a loro

    A quanto sopra aggiungo anche un’interessante considerazione: vi immaginate quanta plastica e quanta ceramica derivate dalle palle buttate via andrà ad inquinare in modo irrimediabile le nostre discariche? La plastica e la ceramica non sono assolutamente biodegradabili e la ceramica non è nemmeno riciclabile.

    Fine (sollievo)

    —Alex

    Rispondi

  67. alberto
    Nov 29, 2008 @ 11:05:30

    il grillo ne prende e tanti (fonti mie) per i suoi spettacoli, è un lavoro il suo , ataccare tutto e tutti crea consenso, ma una volta spenti i riflettori si rimane ognuno con i propri problemi……..i cambiamenti si fanno con la politica, con gli strumenti istituzionali non con i movimenti di massa e la controinformazione su internet……………

    Rispondi

  68. Ettore
    Nov 29, 2008 @ 12:20:16

    Mah, ho letto tutti gli interventi e mi sembra (dopo aver consultato anche altri siti) che ci sarebbe una “prova assoluta” da effettuare da parte di chi possiede la magica palla. Fare un bucato con la palla stessa e poi un altro con indumenti il più possibile simili e similmente sporchi, ma inserendo nel cestello della lavatrice UNA PALLA DA TENNIS pulita. E vedere che succede. Interessante anche l’osservazione di chi ha fatto notare che è così tanto il detersivo che normalmente utilizziamo che sicuramente pensare di “lavare senza” solo perchè non ce lo abbiamo messo è ridicolo: nelle tubature e all’interno del cestello chissà quanto ce ne è ancora da decine di lavaggi precedenti! L’ideale sarebbe poter effettuare questi test su una lavatrice nuova! Ma penso sia pretendere troppo. Quanto al fatto che – se la pallina magica funzionasse – non c’e’ una spiegazione chimico fisica valida, basti pensare che la stessa omeopatia (molto usata in medicina soprattutto in Francia e Germania da medici serissimi) non ha alcuna base chimica a sostegno della sua efficacia: dopo una diluizione 12C o 24D nel farmaco non è più presente neppure una molecola della sostanza di partenza. Eppure è attivo (alla faccia dell’effetto placebo) anche su neonati ed animali.

    Rispondi

  69. Gianluca
    Nov 29, 2008 @ 16:52:49

    Ciao,
    sono un ricercatore del DITS dell’università La Sapienza.
    Sono d’accordo con il ricercatore di chimica dell’uni di Padova:
    Il biowash è una mezza specie di catalizzatore di dubbia efficacia.
    Devo dire che mi sbalordisce la reazione di alcuni di voi.
    Voglio dire che non credere a chi queste cose le studia e non ha interessi di alcun genere nell’esprimere un giudizio sul biowash ma credere a un comico che spesso (non voglio dubitare della sua buona fede) si lascia trascinare in facili entusiasmi è più o meno come credere nel creazionismo, una scelta di fede.
    Premetto che il mio campo di ricerca riguarda le energie sostenibili e premetto che sono tra chi firmerebbe a sangue per l’eliminazione del detersivo dalla faccia della terra.
    Consiglio comunque a tutti quelli che non credono a chi conosce ciò di cui parla di andare per una questione di coerenza , in caso di malattia, a farsi curare da uno stregone o da grillo stesso.
    Vi assicuro che per chi fa ricerca e magari sono 15 anni che studia la materia è avvilente accettare che è preso in minor considerazione di un comico anche ammettendo che questo agisca sulla base di ottime motivazioni.

    Rispondi

  70. adblues
    Nov 29, 2008 @ 18:26:32

    Ettore: test scientifici sull’efficacia della palla sono già stati fatti come dicevo nel mio post precedente ed il risultato è che la palla non ha alcun effetto.

    Se non basta questo…

    PS = io non mi affiderei MAI all’omeopatia, figuriamoci un mio figlio! Con la salute non si scherza…

    Rispondi

  71. valentina
    Nov 29, 2008 @ 19:01:10

    Uso la wash-ball da più di un mese (esattamente dal 24 ott), non ho nozioni scientifiche a riguardo, ma voglio raccontarvi la mia esperienza. Faccio una media di 2 lavatrici al giorno ed ho sempre pensato di ridurre l’uso del detersivo ma poi, ogni volta che caricavo la lavatrice, nel cassetto del detersivo mettevo sempre la stessa quantità per non rischiare di doverla rilavare, visto che il tempo è sempre contato. Dal 24 ottobre metto i panni nel cestello della lavatrice insieme alla wash-ball, chiudo l’oblò ed avvio il programma.I primi lavaggi possono anche aver usufruito di detersivo residuo nella lavatrice, ma il risultato è stupefacente ancora oggi. Io non so il perchè ma il risultato c’è. Probabilmente è vero che il lavoro maggiore di pulizia è dovuto all’acqua, al calore, al movimento, e solo in minima parte alla wash-ball( magari dal punto di vista dell’igienizzazione, che comunque non è poco),tuttavia a me ha dato l’opportunità di liberarmi dalla schiavitù del detersivo.

    Rispondi

  72. Ettore
    Nov 29, 2008 @ 19:33:50

    Io non ho mai utilizzato farmaci omeopatici, Adblues, e neppure ho interessi in essi o in discipline correlate. Però quello dell’ omeopatia è un settore ti garantisco serissimo, non affidato a ciarlatani ma a medici veri e da essi praticato, tant’e’ che in ogni farmacia trovi svariate specialità omeopatiche e all’estero trovi moltissimi specialisti che ti curano con l’omeopatia, più che qui in Italia. Ho citato l’omeopatia proprio per proporre l’esempio di un qualcosa la cui efficacia è provata (reagiscono neonati ed animali) quantunque secondo la chimica si tratti solo di acqua fresca (la dinamizzazione così come la memoria dell’acqua vengono derise e considerate frottole da alchimisti). Nel caso della palla magica (che non possiedo) sarei proprio curioso di effettuare delle prove di persona. Se dovessi verificare che funziona, anche se tecnici, scienziati, premi Nobel mi assicurassero che non è vero perchè “non può funzionare” gli riderei in faccia. Semplicemente.

    Rispondi

  73. Ettore
    Nov 29, 2008 @ 20:10:03

    Aggiungo al mio post: non sono un fan di Grillo (che sostanzialmente disistimo) ma piccole cose come la palla di cui stiamo parlando mi affascinano. Piccole cose che riflettono nella loro dimensione infinitesima altre più grandi. Ricordate la fusione fredda? Gli ideatori furono sommersi dalle pernacchie e dovettero nascondersi. Peccato che il prof Preparata all’ ENEA di Frascati l’abbia replicata e così molti altri laboratori di varia importanza. E oggettivamente non ha una spiegazione scientifica valida. Secondo la scienza ufficiale è una bufala. Di Bella curò veramente molta gente ammalata di cancro con il suo metodo e con successo, ma lo distrussero lo stesso facendolo passare per un ciarlatano. Ugualmente venne fatto negli anni 50 con Liborio Bonifacio, anche lui deriso ed umiliato. Scusate se rapporto vicende di tale spessore con la banalità di una pallina lavabiancheria. Ma curiosamente alla base c’e’ sempre la stessa motivazione: “visto che non ne possiamo spiegare il funzionamento si tratta sicuramente di un imbroglio”. Questo modo di argomentare non mi convince e lo respingo con forza.

    Rispondi

  74. NewThoughts
    Nov 29, 2008 @ 23:16:28

    Salve
    Intanto pare che dei test scientifici hanno già dimostrato che la biowashball non funziona (http://attivissimo.blogspot.com/2008/11/biowashball-una-palla.html ), ma il mio commento non voleva essere tanto sull’oggetto ma quanto sul METODO.
    Primo: provate a fare 2 lavatrici una con SOLA acqua e l’altra con la PALLA. Le lavatrici devono essere il piu’ identiche possibili (stessa temperatura di lavaggio, stesso identico carico per quanto possibile, ad esempio potete prendere i calzetti e metterne uno con la palla e l’altro solo con l’acqua).
    Secondo: date i panni lavati ad un TERZO (test cieco) e fategli valutare il livello di pulizia senza pero’ dirgli niente. Il test cieco infatti serve per eliminare l’influenza dello sperimentatore (che sa cosa é stato fatto ai campioni) sull’analisi dei risultati (di questo test esiste anche il DOPPIO CIECO, é usato molto in medicina ma l’interpretazione é leggermente diversa).

    Vedete i risultati alla fine. Comunque le spiegazioni date dalla ditta sull’effetto dei raggi infrarossi non stanno ne in cielo ne in terra…

    Rispondi

  75. Alessandro
    Nov 30, 2008 @ 11:51:47

    Non sono un chimico e non ho comprato la BioWashBall.
    Dai commenti però ho capito una cosa:
    prima pensavo che per lavare fossero indispensabili i detersivi, ora ho capito che per macchie “normali” (la stragrande maggioranza!) è sufficiente l’acqua calda ed il movimento rotatorio del cestello.
    Diciamo che, indirettamente, Grillo l’effetto l’ha ottenuto: farmi risparmiare soldi sui detersivi.

    Rispondi

  76. adblues
    Nov 30, 2008 @ 12:49:27

    Ettore: buona parte di quello che citi sono solo bufale, abbagli, sicuramente presi in buona fede ed in piccola parte truffe belle e buone: Di Bella, l’omeopatia: la memoria dell’acqua poi è di una assurdità toccante. Anche quella che tu chiami “fusione fredda” nonostante i lavori di Preparata (ma anche quelli molto più recenti di Arata in Giappone) non sembra essere affatto una reazione termonucleare ma un fenomeno elettrochimico ancora poco conosciuto e comunque qualcosa su cui dovranno studiare gli scienziati per lunghissimi anni a venire. Insomma qualcosa di tutt’altro che abbandonato o imboscato su cui gli studi proseguono in tutto il mondo. Il problema di Fleishmann e Pons fu quello (peccato mortale per uno scienziato) di saltare alle conclusioni prima ancora di aver creato un esperimento riproducibile (ed infatti ben pochi a quei tempi riuscirono a replicarlo).

    Certo sei padronissimo di crederci, come tutti al mondo …

    Io credo a quello che è scientificamente dimostrabile e replicabile, se poi ci sono persone che credono al mago do Nascimiento… Beh, cavoli loro ma immagino che il mondo sarebbe un posto “un pochettino” migliore se riuscissimo a liberarci da tutta questa zavorra.

    —Alex

    Rispondi

  77. Alex
    Nov 30, 2008 @ 13:02:41

    sono capitato sul blog per caso, come forse altri, mentre cercavo notizie sulla bwball dopo aver visto lo show di BG.Ero intenzionato ad acquistarla per farne regali di natale. Vorrei fare alcuni commenti:
    1. mi associo a quanto dice Alessandro: “prima pensavo che per lavare fossero indispensabili i detersivi, ora ho capito che per macchie “normali” (la stragrande maggioranza!) è sufficiente l’acqua calda ed il movimento rotatorio del cestello.”. ringrazio tutti i post perchè ho imparato una cosa nuova, ed è bellissimo. Lo dirò a mia madre, a mia nonna, alla mia fidanzata, …e spero che provando tutti quanti si diffonda l’informazione.
    2. suggerisco a tutti , specialmente a chi ha scritto sul blog, di rileggere tutti i commenti. Vi rendete conto che non si riesce a fare una “conversazione” con toni esclusivamente pacati e tranquilli ? Non possiamo confrontare idee senza darci dei venduti, degli imbecilli, dei creduloni, ecc. ? Ci siamo resi conto tutti quanti, almeno spero, che in questo Paese e in generale nel mondo, c’è qualcosa che non va. Non voglio farla troppo pesante, ma sia io che tante persone con cui parlo siamo convinti che il progresso non sta andando nelle giusta direzione, bensì al contrario. Molti sono insoddisfatti di come siamo diventati dal punto di vista dei rapporti umani, di come si comportano le persone che incontriamo ogni giorno. Benissimo, questa è consapevolezza ed è forse il primo passo. Ad essa si associa però un senso di frustrazione, che deriva dal fatto che a) non sappiamo come fare per cambiare le cose (alzi la mano chi crede ancora nel voto politico. sono disponibile ad una discussione su questo); b) ci sentiamo colpevoli per aver messo un po’ troppo detersivo nella lavatrice, quando fuori stanno distruggendo un pianeta.
    Spero che a poco a poco troviamo un modo per canalizzare tanti buoni propositi; credo che chi segue Grillo, in buona fede, cerchi un catalizzatore di persone, idee, inca++ature, ovvero un modo per tradurre in azioni concrete il malessere che ci portiamo dentro.
    Vale, grazie per l’ospitalità; e un saluto a tutti: già il fatto che ci si confronti sul blog è positivo, facciamolo con un sorriso :-). Chiudete i post uno smile, ce lo meritiamo 🙂

    Rispondi

  78. Ettore
    Nov 30, 2008 @ 13:35:29

    Caro Adblues, è proprio qui che ti volevo. Nel tuo approccio al problema, che è comune a molti debunkers e anche a molti scienziati veri. Fleischmann e Pons – secondo la tua ottica – scoprirono “qualcosa”, ma visto che la avevano etichettata (o interpretata) in modo diverso si sono meritati la messa all’indice. Quanto a Di Bella, storie verificate e cartelle cliniche sono lì a dimostrare che della gente se non è guarita dal cancro, la sua progressione si è fermata e sono poi morti di tutt’altro (interessantissima fu la storia privata di un ragazzo raccontata dai suoi genitori, poco diffusa). Intervento divino? Autosuggestione? La cosa eclatante è che io non ho mai scritto – nè detto – di credere nella memoria dell’acqua o di sostenere l’omeopatia o quant’altro. Neppure la cura Di Bella! Il fatto è che quando ad un positivista come te (in nutritissima compagnia) si ventila l’ipotesi di “qualcosa che funziona ma non si sa come” ci si trova subito di fronte a delle argomentazioni del tipo: “non è possibile che funzioni perchè la scienza non lo prevede e/o non lo sa spiegare”. Trovo comunque che sia sull’omeopatia che le scuole di pensiero come la tua naufragano. L’omeopatia non ha alcun riscontro scientifico (N diluizioni…dinamizzazione del preparato per renderlo attivo…) ma la medicina omeopatica esiste, ci sono tantissimi medici che la praticano, farmacie che ti vendono prodotti omeopatici e all’estero mi pare anche che i farmaci siano rimborsati dal SSNN. Tutto questo NON per dire che ci credo ma per dire non credo neppure alle roboanti affermazioni di scienziati che – semplicemente – negano la validità a tutto ciò che non sono in grado di spiegare. E questo è meschino. Per dirla tutta: le spiegazioni del produttore della Magica Palla Lavante sono probabilmente scientificamente ridicole. Ma una volta che l’utilizzatore dovesse verificare che con la palla (non si sa nè come nè perchè) riesce a lavare la biancheria senza far uso del detersivo, le affermazioni dei critici-negatori-scienziati-saccenti dovrebbero essere poste esattamente sullo stesso piano, e cioè quello del ridicolo.
    Non so poi chi sia il migliore tra il mago do Nascimiento e lo scienziato. Il primo racconta frottole. Il secondo nega tutto ciò che non è in grado di spiegare. Il primo è molto divertente. Il secondo è molto pericoloso, come certi compulsatori della Bibbia, che sostennero che le patate non esistono, visto che il Sacro Testo non ne fa cenno….

    Rispondi

  79. NewThoughts
    Nov 30, 2008 @ 14:58:28

    Caro Ettore:
    ti rispondo come scienziato visto che lo sono.
    Non andro’ in ordine nella risposta a quello che affermi, vorrei solo farti riflettere su quante cose non conosci sul mio mestiere e sulle offese che hai involontariamente (od inconsapevolvemte) detto. Hai detto “Non so poi chi sia il migliore tra il mago do Nascimiento e lo scienziato.”, lascia che ti rinfreschi un po’ la memoria. Il primo “do Nascimiento” é un truffatore che estorceva soldi alla gente minacciandola di “maledizione” e portando famiglie al tracollo, i secondi sono onesti cittadini che utilizzano il METODO SCIENTIFICO per esplorare la relatà.
    Io non ho dubbi che gli scienziati siano migliori rispetto ai truffatori.

    Continui ad affermare che la scienza ha dei buchi dicendo “negano la validità a tutto ciò che non sono in grado di spiegare.”. Cio’ é falso e dimostra il fatto che non hai mai studiato la storia della scienza, ti faro’ degli esempi ora.
    Nel 1900 erano state trovate delle anomalie nell’orbita del pianeta Mercurio, anomalie che non erano spiegabili dalla teoria di Newton. NESSUNO SCIENZIATO pero’ ha negato la cosa, si é cercata una spiegazione e si é giunti, grazie ad Einstein, ad una spiegazione.
    Ti posso fare un altro esempio come la scoperta del neutrone. Infatti nei primi tempi questa particella creo’ non pochi problemi di interpretazione, non si conoscevano infatti particelle neutre libere, si pensava fossero raggi X molto penetranti ma cio’ avrebbe violato il principio di conservazione dell’energia.
    Qualcuno nego’ pero’ il fenomeno? NO, ed anche allora si raggiunse una spiegazione.

    Quando affermi che “le scuole di pensiero come la tua naufragano” affermi una cosa falsa. Anche in questo caso la scienza ha progredito con METODO, escludendo quindi le interferenze. Come? Si prendono due insieme di pazienti, uno si sottopone ad una cura fasulla e l’altro alla cura omeopatica. Risultati? Nessuna differenza. Riesci a capire che questo significa che la cura omeopatica non é piu’ che un effetto placebo? Non nego il placebo, ne la omeopatia, dico solo che la sua efficacia non é superiore a quella di una cura FASULLA.
    Giustifichi dicendo poi dicendo “ma la medicina omeopatica esiste, ci sono tantissimi medici che la praticano”, vero, ci sono anche truffatori, ladri, assassini, e non per questo é giusto truffare, rubare od uccidere.
    (Si chiama “teoria della giustificazione” ne ho scritto sul mio blog).

    Infine cerchi di ridicolizzare lo scienziato, tacciandolo di “critici-negatori-scienziati-saccenti”. In verità queste persone sono solo quelle che con METODO cercano di esplorare la realtà in un modo che permette di arrivare alle conclusioni giuste e ripetibili, con un metodo che permette di capire cosa causa cosa.

    Ed infine ci compari a dei religiosi con il loro libro sacro, una cosa piu’ lontana non poteva esserci. La scienza é una cosa pronta a cambiare quando sono presenti le PROVE e gli esperimenti fatti con METODO, tutti gli scienziati sono pronti a cambiare idea purché i risultati siano inconfutabili.

    Rispondi

  80. adblues
    Nov 30, 2008 @ 15:07:23

    Caro Ettore immagino che tu sia poco pratico del “metodo scientifico” perchè quella che tu affermi sia la caratteristica degli scienziati, ossia di “negare tutto ciò che non è in grado di spiegare” è fondamentalmente inesatta, anzi è proprio l’antitesi della scienza.
    Lo scienziato invece è colui cerca di trovare una spiegazione razionale a tutto quello che è in grado di osservare e se la spiegazione razionale non esiste ancora cerca di trovarne una.
    La questione fondamentale però è che l’evento debba essere osservabile e misurabile in modo obiettivo ed indipendente.

    I professori Fleishmann e Pons non sono affatto all’indice (ma chi te l’ha detto?) ma ovviamente hanno perso gran parte della loro credibilità accademica con i loro annunci e conclusioni avventate.

    L’omeopatia viene consigliata da alcuni medici perchè questi sono assediati da pazienti ipocondriaci che pretendono “soddisfazione” dal medico (corrispondente nella vulgata popolare alla prescrizione di un sacco di prodotti) per qualsiasi insignificante patologia, molti medici (che però non mi sento di definire “seri”) acconsentono a consigliare ai pazienti le pozioni omeopatiche che tanto non possono certo fare male (non contenendo nulla).
    Il fatto che farmacie le vendano non vuol dire nulla in quanto le suddette farmacie vendono spessissimo anche altri prodotti che nulla hanno a che spartire con la farmacologia “scientifica” mentre se il SSN dovesse rimborsare queste cure sarei molto adirato: i miei soldi di contribuente dovrebbero essere usati per aumentare il numero delle mammografie, pap test, screening per il tumore al colon, screening dermatologici, etc. Non certo per un po’ di costosissima acqua fresca (con tutto il rispetto per le persone che ci lavorano, e ne conosco diversi, che anche loro hanno famiglia e ci debbono campare i figli!).

    Buona domenica!

    —Alex

    Rispondi

  81. alex
    Nov 30, 2008 @ 16:20:22

    Leggendo i vostri commenti mi chiedo: chi vincera’? Chi avra’ l’ultima parola? Dai,andate avanti ancora un po’…o forse meglio: scambiatevi i telefoni e discutete in pvt. 🙂 a tutti

    Rispondi

  82. Ettore
    Nov 30, 2008 @ 16:47:54

    Devo subito precisare a chi mi ha contestato che l’ambiente scientifico è stato il mio per parecchi anni. Poi per fortuna me ne sono saputo allontanare. E confermo che lo scienziato tradizionale (praticamente tutti) accetta solo ciò che riesce a spiegare . E nega il resto, anche quando funziona. Purtroppo era così anche per cattedratici che ricordo altrimenti con grande piacere. Ci sono anche ottime scuse/ragioni perchè questo avvenga: la loro cultura è a senso unico. Il medico che conosce solo terapie allopatiche (sulle quali ha fondato i suoi studi) rifiuterà sempre l’omeopatia. Nell’ambito medico tre erano le “discipline” maggiormente contestate: l’omeopatia, l’agopuntura e (più recentemente) la medicina ayurvedica. La prima perchè dopo una certa diluizione hai di fronte “scientificamente” solo acqua fresca. La seconda perchè fa riferimento ad aspetti sostanzialmente religiosi e metafisici “i meridiani” i “canali” e quant’altro. La terza perchè fa uso di sostanze tossiche nelle sue preparazioni , come il mercurio e l’arsenico ad esempio.
    Senza che qui stia a fare una lezione di storia recente della medicina, dirò che il grosso macigno è rappresentato soprattutto dall’omeopatia. I prodotti omeopatici risultano efficaci anche nella medicina neonatale, in quella pediatrica e in quella veterinaria. Come spiegare questo con l’autosuggestione e l’effetto placebo? L’agopuntura funziona sicuramente – quando praticata da mani abili e competenti (verificato dal sottoscritto e non “in corpore vili” quanto su medici stessi del tutto scettici e miei amici). Per le terapie ayurvediche rimane credo il grosso problema di componenti tossici che però – una volta utilizzati – sembrano non risultare nocivi. Senza farla troppo lunga l’impressione che io ho tratto è che l’aspetto truffaldino di moltissimi scienziati sia diverso da quello di volgari ciarlatani solo per l’esistenza di un camice e di un pezzo di carta incorniciato sopra la scrivania. Motivi economici, mancanza di apertura mentale, assenza di retroterra che non sia quello a senso unico al quale li hanno portati i loro studi, quello che volete. Il tutto unito ad una sconfinata arroganza e ad ambizione. Ma – sempre – nessunissimo tentativo di voler ammettere efficienza, funzionalità e positività in qualcosa che non fossero in grado di spiegare, anche quando dovuto meramente alla loro ignoranza.

    Rispondi

  83. Alex
    Nov 30, 2008 @ 19:17:43

    comunque eravamo partiti dalla biowashball. credo che la trasmissione di venerdì di mimandaraitre, con i test del cnr e di altri professionisti, abbia fatto chiarezza e confermi quanto hanno scritto i bloggers qui sopra.
    per chi fosse interessato, si può vedere in:
    http://mizcesena.blogspot.com/2008/11/biowashball-svelata-la-bufala.html
    il resto, a mio avviso, è solo sfoggio di cultura, che -senza un po’ di umiltà- rimane comunque fine a se stessa. 🙂 a tutti.
    x Vale: basta azzeccare l’argomento e il blog vola…brava!

    Rispondi

  84. Alex
    Nov 30, 2008 @ 19:28:07

    scusate, solo per chiudere l’argomento pro/contro grillo. mi ha fatto piacere leggere i commenti su uno dei siti dei meetup: i grillini, tutt’altro che “invasati” dal loro presunto guru, sono stati critici sia verso il Beppe nazionale, sia verso Rai3, che forse ha effettivamente dato molta enfasi al fatto che la bufala l’avrebbe messa in circolo lui.
    Il consiglio rimane sempre lo stesso: usate la vostra testa, non lasciate che qualcuno ci infili dentro niente. 🙂 a tutti.
    Ciao, Alessandro

    Rispondi

  85. adblues
    Nov 30, 2008 @ 20:00:54

    Ha ragione il mio omonimo, stiamo abusando dell’ospitalità di Vale.

    Lo avevo già detto ma questa volta “chiudo le trasmissioni” su questo argomento una volta per tutte visto che la discussione non porta nuovi spunti.
    Bye bye.

    –Alex

    Rispondi

  86. Ettore
    Nov 30, 2008 @ 20:14:00

    Sì, penso anch’io che i rispettivi punti di vista siano chiari. Ringrazio chi mi ha letto ed ospitato.

    Rispondi

  87. zdora
    Dic 01, 2008 @ 09:07:24

    prima di chiudere un argomento si dovrebbe però chiedere scusa a chi con l’omeopatia ci si cura. e chi, con l’omeopatia, ci cura persone ED animali. e a chi sta facendo diversi studi, nonostante le ditte farmaceutiche mettano i bastoni tra le ruote, sul metodo Di Bella. ma ovvio, dopo questo commento verrò tacciata come credulona. beh. vale, tanto tu sai cosa faccio nella vita quindi puoi benissimo capire quanto tutto ciò mi ferisca.

    Rispondi

  88. Marco
    Dic 02, 2008 @ 17:09:54

    BIG BANG

    “E l’ultimo chiuda la porta”, diceva un famoso saggio cinese durante le strisce comiche di Nick Carter, fumetti in TV.

    Ma è proprio vero vero vero che la scienza ufficiale oggi in voga presso le nostre prestigiose sedi universitarie (ed altrove) viva solo di scienza e non anche di dogmi e similari?

    Si, perchè, chiedo a tutti gli scienziati presenti e che leggono le righe del blog di Vale (grazie per la gentile ospitalità) perchè si continua a spacciare come scientifica la spiegazione (?) della nascita della vita nell’universo con un pensiero fideistico chiamato “Big Bang”?

    E’ dimostrabile il big bang, è spiegabile, è intuitivo ed è replicabile? Signori scienziati, suvvia, un pochino di onestà.

    Marco

    Rispondi

  89. ippocrate
    Dic 02, 2008 @ 20:03:23

    Ciao a tutti…..volevo solo dire al gruppone degli scienziati:avete mai provato un prodotto omeopatico? io si e spesso li prescrivo anche ai miei pazienti e funzionano benissimo…….per tutti gli studi scientifici…ricordiamoci del VIOXX prodotto dalla Ciba se non sbaglio;ha mietuto tante vittime e tanti infarti del miocardio prima di essere ritirato dal mercato nonostante ce lo spacciassero come la panacea per l’artrosi…..
    Provatene uno…..e poi mi dite se funziona o no?
    Ciao

    Rispondi

  90. Nicola
    Dic 02, 2008 @ 21:18:24

    @Marco
    giusto per tua informazione:
    La teoria del big bang è (appunto) solo una teoria, che al momento va per la maggiore ma che non può ancora considerarsi definitiva, in quanto mancano senza prove decisive.
    Se ti pare una cosa poco plausibile quella di una “grande esplosione” che avrebbe generato il nostro universo, sappi che è solo una immagine metaforica per esprimere concetti matematici per nulla banali da comprendere, anche per chi (come il sottoscritto) la fisica la studia da 5 anni…
    per fugare i tuoi dubbi ti consiglio l’ottima Wikipedia:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Big_bang

    ciao a tutti

    Rispondi

  91. adblues
    Dic 02, 2008 @ 23:12:23

    Marco: a parte la differenza tra “teoria” e “legge” scientifica il big bang è la teoria sull’origine dell’universo più aderente a tutte le nostre conoscenze attuali (e non la spiegazione della nascita della vita). Allo stato delle cose non esiste altra teoria scientificamente plausibile dunque non è un “atto di fede” ma semplicemente un atto di logica razionale.

    Ippocrate: fai bene a nasconderti dietro uno pseudonimo. Smetterei subito di farmi curare da un medico che mi consigliasse prodotti omeopatici, buoni solo per buttare soldi e tenersi la malattia. Per quanto riguarda il Rofecoxib e tutti i farmaci in genere: scientificamente non è possibile testare tutti i farmaci su tutti i possibili tipi di pazienti e quindi sarà sempre possibile che un determinato gruppo di pazienti un farmaco possa essere addirittura letale, cosa facciamo, buttiamo via tutti i farmaci? Il Rofecoxib funziona, non è che non cura l’artrosi anzi lo fa’ benissimo, peccato per gli effetti collaterali che sono altrettanto gravi in certi gruppi di pazienti. Anche la Talidomide ha causato dei danni incredibili ma (dopo essersi accertati dello stato di non-gravidanza) si usa ancora, no?

    —Alex

    Rispondi

  92. Paolo
    Dic 04, 2008 @ 03:29:08

    Dopo aver letto il post e TUTTI i commenti relativi (sì, ci ho messo un bel po’) mi sento in dovere di ringraziare Vale per l’interessantissimo argomento (e l’obiettiva sincerità) e tutti quelli che hanno contribuito in modo costruttivo e stimolante alla discussione.
    Saluti a tutti!

    Rispondi

  93. mau
    Dic 05, 2008 @ 13:31:20

    Dunque, ho letto granparte dei vostri interventi (non tutti) e non posso esimermi di dire lamia.
    Sono un chimico anche io e confermo i pareri dei miei predecessori.
    A chi dice che funziona, direi di provare a lavare gli stessi vestiti con la stessa tipologia di sporco, solo con acqua (alla stessa temperatura dei lavaggi con la palla) e con un oggetto nel cestello simile come forma e peso a stà magica palla. A parte un po’ di contributo positivo dovuto alle zeoliti (a vantaggio della palla magica) non credo che il risultato dei due lavaggi sia estremamente differente. Infatti la temperatura già aumenta la mobilità molecolare dello sporco che così viene via meglio, e se c’è un oggetto di un dato peso e con una superficie ruvida che incrementa l’azione meccanica di rimozione, si può dire che sta’ palla non è per niente miracolosa.
    Cerchiamo invece di usare molto meno detersivo quando laviamo e vediamo di convincere quante + persone possibile a fare ciò, e avremmo già dato un notevole contributo all’ambiente.

    Rispondi

  94. Valmax
    Dic 10, 2008 @ 10:39:31

    I miei umili 2 cents.

    Personalmente, per il mio bucato uso la mia brava dose minima di detersivo (Dash), pastiglia anticalcare ed acqua rigorosamente FREDDA. Usare acqua a 50° ha un ottimo effetto sullo sporco facile, si può risparmiare su molto detersivo, MA
    1) non igienizza. Se Grillo usa acqua a 50° per i pannolini, poveri bambini… Mi ricordo ancora quando l’acqua bisognava farla materialmente BOLLIRE per riciclare quella roba!
    2) si consuma un sacco di corrente in più, finendo col contribuire attivamente all’inquinamento da consumo di energia fossile.

    La BWB, inoltre, persino ad uno come me che non ha lauree in chimica o fisica, ma che adora informarsi fra libri e Rete, è una palese truffa. Tanto per cominciare, se volevano proporre un prodotto lavante efficace, era del tutto inutile che pubblicassero valutazioni scientifiche inesistenti! (vedi post precedenti, che mi trovano ampiamente daccordo)
    Per seconda cosa, appunto, senza bisogno di correre dall’acquirente (visto che non scappa), almeno ci si informi un minimo. Si tratta, ripeto, di nozioni di base. A Mi manda Raitre, l’inviato dell’importatore della BWB non era stato minimamente capace di rispondere sul piano scientifico, salvo citare delle presunte ‘radiazioni infrarosse lontane, come quelle che ci arrivano dal Sole’, quali causanti la presunta scissione dell’idrogeno.
    Notate una sola cosina, o fedeli della BWB: se bastasse una simile lunghezza d’onda dello spettro elettromagnetico a fare quello che i produttori dicono, la vita sulla terra sarebbe un pochino estinta da quelle che sarebbero, a questo punto, radiazioni LETALI per la stessa esistenza dell’acqua in ogni sua forma. Fate un po’ voi…

    Rispondi

  95. elia
    Dic 15, 2008 @ 19:57:03

    La sfera FUNZIONA. Il resto sono chiacchiere.

    Rispondi

  96. adblues
    Dic 15, 2008 @ 23:28:21

    Certo, come no…

    —Alex

    Rispondi

  97. walter
    Dic 16, 2008 @ 12:54:22

    per adblues,
    molti paradigmi hanno rovesciato conoscenze fisse che prima scientificamente non erano provabili ,puo’ essere che ci sono cose che ancora scientificamente non sono verificabili,e’ la storia della scienza perche’ si basa solo sui ns 5 sensi conosciuti ma se forse ci fossero altri sensi ancora in letargo?MI pare per esempio che lo spettro della luce a noi visibile sia molto limitato ,idem per l’universo conosciuto .Permettimi di consigliarti di leggere un bel libro di un certo gary zukav “la sedia dell’anima” e tutti i libri di fritjof kapra.

    Rispondi

  98. adblues
    Dic 16, 2008 @ 15:39:13

    Maronn… Walter:
    ti ringrazio per gli illuminanti consigli letterari ma questo non toglie che la palla non funziona, come dimostrato dagli esperimenti eseguiti in laboratorio. E non saranno le teorie di Capra a farla funzionare oppure la spiritualità di Zukav.

    Posso comprendere che qualcuno abbia dei dubbi su complesse teorie di fisica quantistica o cosmologia che tirano in ballo multiversi, superstringhe e quant’altro ma su una palla di plastica no, dai…

    Posso persino comprendere chi non si fida di quelli che (come me) basandosi sulle conoscenze scientifiche avevano dichiarano che la palla non poteva funzionare a priori, ma di fronte ai risultati delle prove di lavaggio fatte da Rai3 e dal Salvagente non ci dovrebbero essere più dubbi, no?

    E comunque puoi sempre provare da solo: di un paio di calzini sporchi lavane uno con la palla ed uno senza e poi confrontali.

    —Alex

    PS = ti pare che lo spettro della luce a noi visibile sia limitato? Ti sbagli, a meno che tu non abbia qualche malattia tu (come me e ciunque altro) percepisci tutto lo spettro della “luce” che appunto è quella porzione di frequenze dello spettro elettromagnetico percepibile dalla nostra retina. Il resto dello spettro elettromagnetico è perfettamente studiabile per mezzo di strumentazione apposita. Questo per dimostrarti che la scienza non e’ affatto limitata a quello che percepiamo con i nostri 5 sensi. Tu non percepisci con i tuoi sensi il magnetismo ma questo esiste lo stesso, ne conosciamo tutti gli aspetti e le leggi sviluppate per spiegare questo fenomeno lo descrivono esattamente.

    PS\2 = mi permetto di suggerirti lo studio di testi scientifici un po’ meno avanzati di quelli di Capra come quelli di Enrico Fermi o Feynman, per esempio ma bastano anche dei buoni testi di fisica e chimica per le scuole superiori…

    Rispondi

  99. viperchan
    Dic 18, 2008 @ 12:29:40

    Ciao, anch’io ho comprato la biowashball per curiosità.
    Fortunatamente ho fatto un ordine su eBay da un venditore francese assieme ad alcuni colleghi. Alla fine ho speso solo 25 euro a pallina incluse le spese di spedizione e ne ho comprate due, visto che il mio carico pieno in lavatrice arriva a 7 kg!
    Sto ancora facendo i miei test lavaggio dopo lavaggio, con gli stessi risultati della gentile padrona di casa di questo blog.
    Aggiungo solo un link, un video, uno dei pochi che non sono stati rimossi, in cui ho trovato la risposta alla mia domanda numero uno: ma è davvero una pallina inerte come dicono i vari attivissimi antibufala?
    http://it.youtube.com/watch?v=dlavLI4hEa8
    PS: adoro il viola!

    Rispondi

  100. verypipuffa
    Dic 18, 2008 @ 13:30:14

    BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAASSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    Rispondi

  101. Luigi
    Dic 20, 2008 @ 20:42:42

    Dopo aver riletto a distanza di tempo tutti gli interventi, vi dico:
    La terra e’ piatta!
    Sono andato a piedi da Modena a Bologna e non ho notato la minima curvatura.
    Non vi chiedo di provarlo scientificamente, solo di credermi.

    Rispondi

  102. Black Cat
    Dic 22, 2008 @ 07:22:30

    ahah Luigi un esempio perfetto!!!

    Rispondi

  103. Black Cat
    Dic 22, 2008 @ 07:23:53

    Comunque è bello vedere come tanta gente ignora il fatto che è l’acqua a pulire e non i detersivi.

    Rispondi

  104. zdora
    Dic 22, 2008 @ 10:01:04

    fermo restando che sono d’accordo sul fatto che la palla non sia magica, e comunque non credendo nella magia (per prevenire certe risposte), è ALLUCINANTE come certi discorsi vadano a cadere nello squallido offendendosi a vicenda. Mi vien la gastrite a pensare che per alcuni “o è bianco, o è nero, e se non la pensi come me, allora sei uno scemo”. sta palla del cavolo fa risparmiare sul detersivo, fa inquinare di meno e, che sia una palla di zeoliti, di plastica, da tennis o quel cavolo che volete, se la gente usandola si trova meglio che male c’è? il fatto che costi un tot non va bene, ma non possiamo risolvere tutto in una volta sola. tante persone magari non laverebbero i loro panni sporchi solo con l’acqua, mentre co sto coso lo fanno. io personalmente credo che proverò con la pallina da tennis. e non perchè sono credulona. perchè penso che lo sbatacchiare della pallina possa aiutare la pulizia.
    in ogni caso smettetela di offendere soprattutto per cose serie come l’omeopatia (in modo serio, prescritta da uno che ci capisce un minimo, se no non fa assolutamente un tubo) e l’agopuntura (3000 anni di esperienza possono bastare o sono tutti creduloni?!?!). e soprattutto senza averle provate in modo serio. non usatele. ma smettetela, veramente. non mi faccio dare della ciarlatana quando mi faccio un culo tanto per studiare ed essere all’altezza. e si, pure io ho avuto una formazione scientifica (sorpresa! il mio sapere magari è scientifico quanto il vostro!). ora non mi esprimerò più.

    Rispondi

  105. verypipuffa
    Dic 22, 2008 @ 10:57:54

    e soprattutto non fatemi incazzare la Zdora, che poi mi traumatizza le bestiole pazienti!

    Rispondi

  106. Sabrina
    Dic 28, 2008 @ 20:20:47

    Premessa… non sono una scienziata, non sono una studiosa, sono una zdora di Bologna! La mia domanda è la seguente: ma perchè anzichè usare palline o pallone, sulle quali dubbi ce ne sono e anche molti, non provate a usare i detersivi eco-logici, che vengono distribuiti sfusi nelle iper, con contenitore riutilizzabile trenta volte, sono senza fosfati, tensioattivi biodegradabili? Utilizzati al 50% di quello che è indicato. Certo non è come usare acqua e basta… ma sicuramente è meglio dei litri di detersivo che le grandi case ci raccontano sia necessario usare… o no?

    Rispondi

  107. Stefano
    Dic 29, 2008 @ 17:37:33

    Mi manda Rai 3 ha indicato che nella palla è presente dell’ossido di Titanio ma non ha spiegato a cosa serve…
    Ecco qui una spiegazione delle proprietà pulenti del materiale:
    http://www.mater.unimib.it/orienta/files/esperienza%20TiO2.pdf

    Stefano

    Rispondi

  108. adblues
    Dic 30, 2008 @ 20:20:53

    Stefano, il TiO2 è un catalizzatore: promuove quindi l’azione di certi altri materiali ma in loro assenza da solo non serve a niente.
    L’esperienza riportata infatti spiega come il TiO2 catalizzi l’azione di una lampada ultravioletta (oggetto notoriamente assente nella dotazione di serie delle lavatrici).

    Il TiO2 è un normale componente della ceramica ma incluso nel reticolo della ceramica risulta completamente inerte.

    Le spiagge bianche di Rosignano (LI) sono composte da TiO2 ma quando sono andato al mare li non mi è mai capitato (nonostante l’alto dosaggio di UV assorbiti!) di ritrovarmi la biancheria pulita…

    —Alex

    Rispondi

  109. MacF
    Gen 01, 2009 @ 19:52:58

    Chiedo scusa, mi intrometto nella discussione per ringraziare LaVale di averla creata, è ed è stata molto utile per crearmi un’opinione. Ho scritto dei miei “esperimenti” senza palla e senza detersivo sul mio blog, citando e linkando questo blog, spero non dispiaccia alla padrona di casa, in caso contrario basta un contatto e rimuovo tutto.
    Approfitto dell’accoglienza per dire un “grazie!” a adblues e agli altri “positivisti-razionalisti” che sono intervenuti nella discussione. Anche il link al blog di adblues è stato aggiunto al mio blogroll, come per la Vale spero non dispiaccia e seguirò la stessa procedura in caso contrario.
    Scusate ancora l’intromissione, normalmente in rete mi occupo d’altro, principalmente triathlon, ma visto che con la pallina ci si lavano i panni da corsa… non ero proprio off topic, eh eh!

    Rispondi

  110. LaVale
    Gen 02, 2009 @ 18:08:22

    @MacF: l’intento di questo post e anche del precedente era proprio quello di creare la discussione, che se intelligente, porta sempre beneficio!! sono contenta quindi che ti sia stato utile questo articolo! e grazie per il link .. interessante il triatlon, verrò a leggerti !!

    Rispondi

  111. Paraffine
    Gen 05, 2009 @ 14:41:44

    Lungi da me entrare nel vivo della discussione, non ho le nozioni necessarie per dire se funzioni o meno, vorrei tuttavia far notare una cosa che mi pare lampante (e sottolineo pare).

    Forse la Biowash Ball non funziona, però chi la usa sta avendo buoni risultati, come LaVale, sta risparmiando sul detersivo e, visto che mi pare che sia stato dimostrato (e anche qui non entro in merito della faziosità o imparzialità della dimostrazione) che non funziona, NON che contiene agenti inquinanti, comunque non sta facendo del male, sta risparmiando detersivo, evitando di inquinare l’ambiente.

    A questo punto chi crede che la Wash ball non abbia la minima efficacia, come adblues, se crede tuttavia alla testimonianza di LaVale sul fatto che i panni vengano effettivamente puliti -cosa che mi pare di capire da quanto sopra-, anche se non per merito della Bio Wash Ball, mi pare che, coerentemente, dovrebbe smetter di utilizzare ogni detersivo.
    Chi invece crede al funzionamento della BioWash Ball dovrebbe acquistarla, spendere 50 euro e, coerentemente, smetter di utilizzare detersivi.

    Ergo al di là degli scannamenti vari sul funzionamento o meno non vedo che svantaggio ne avremmo tutti, direttamente o indirettamente.

    Forse Grillo avrà toppato sul funzionamento, intanto però ci ha mostrato, avendo torto o ragione, che i detersivi non son indispensabili e, anzi, nella maggior parte dei casi, totalmente superflui.
    Questo mi pare fosse in parte il suo intento, e lo ha raggiunto e, nell’utopica speranza che il processo avvenga con logica, avremmo ridotto drasticamente il consumo di detersivi, portando vantaggio all’ambiente.
    Grillo non è di certo un santo, e ciò che dice non va preso come oro colato, però mi pare che da quanto lui fa, o ha fatto e detto in questo caso, si possa trarre tutti vantaggio, e per questo andrebbe ringraziato.

    Ovviamente non nutro alcuna speranza che questo intervento venga ascoltato e mi abbandono alla cupa rassegnazione che, in un modo o nell’altro, non si farà altro che proseguire l’interminabile lite atta a dimostrare che si ha ragione e gli altri torto.

    Buon proseguimento,
    Paraffine

    Rispondi

  112. adblues
    Gen 06, 2009 @ 10:54:19

    Caro paraffine ma io effettivamente uso pochissimo detersivo (e cerco di convincere tutti a farlo) e questo da molto tempo, addirittura prima che Grillo si riciclasse da comico in santone.

    Inoltre mi permetto di correggerti: la palla contiene agenti inquinanti perchè è fatta di plastica e ceramica, due materiali praticamente eterni e non biodegradabili.

    Tu sostieni che poi l’effetto di questa truffa colossale è diminuire il consumo di detersivi: ti rispondo dicendo che non ritengo accettabile truffare la gente vendendogli una costosa palla inutile ed inerte. Non tutte le bugie sono a fin di bene. Il signor Grillo potrebbe benissimo sostenere nei suoi show di lavare con meno detersivo: in linea teorica il suo messaggio dovrebbe avere lo stesso effetto “benefico” senza bisogno di ingrassare i “signori delle palle” no? Ti sei domandato perchè non lo faccia?

    È lo stesso che per maghi e santoni, si possono anche tollerare dal punto di vista personale ma per la legge sono truffatori, esattamente come per gli spacciatori della palla in questione.

    Non è una questione di avere ragione o torto (a me non importa visto che lo so da solo) ma una questione di amore per la verità e giustizia.

    Buon anno a tutti!

    —Alex

    Rispondi

  113. Alberto
    Gen 17, 2009 @ 12:11:21

    Si sono dette tante cose su questa palla Io l’ho comprata la uso e mi funziona. Punto. Solo con l’acqua la roba non viene pulita come con la palla (ho più di una prova).
    Molti scienziati hanno sempre da dire su ogni cosa.
    Ma un piccolo dubbio si insinua. Ma come fanno a trovare tutto questo tempo per scrivere ore e ore sui blog per comunicare con gente comune (quando di solito neanche ci cag…o)?
    Ci vendono i farmaci che vogliono e quando si scopre che quei farmaci ci uccidono continuano a venderceli. Ci modificano il cibo e il suo sapore e ci fanno ammalare. S’inventano la concia per i semi e li rendono sterili così che glieli devi sempre ricomprare, ogni anno, a dispetto dei semi naturali che sono infiniti. Ci stanno togliendo tutto cio’ che è naturale e ci continuano a vendere cose che si consumano e si debbono ricomprare (vedi petrolio, vedi detersivo, vedi sigarette, vedi farmaci).
    Ho notato che chi ha comprato la palla ne parla solo bene e dice che funziona, ma ve ne sono di più che la palla non l’hanno comprata e dicono che non funziona (è scientifico).
    Ma cos’è uno scienziato? E’ forse uno pagato dalle multinazionali? Quelle che devono vendere i loro prodotti? Allora stiamo freschi.
    Svegliamoci, ragioniamo con la nostra testa. Non ci facciamo orientare dalla tv. Viva le alternative. Viva Grillo (uno dei pochi che non si è fatto comprare).

    Rispondi

  114. gokikko
    Gen 18, 2009 @ 19:11:27

    La BiowashBall funziona… nello spettacolo sia grillo che la casa produttrice informano di lavare con un carico di massimo 4 kg, altrimenti di utilizzare un pò di detersivo, o due Bio Wash Ball. Nella trasmissione di MI MANDA RAI TRE usano le lavatrici da 25 Kg e per un fatto meccanico non può funzionare.
    L’ HANNO FATTO APPOSTA SOLO PER PROTEGGERE LE INDUSTRIE DEI DETERSIVI.
    Qua nel mio link, una prova che appunto fa vedere con una cartina tornasole, come la Bio Wash Ball, realmente modifica l’alcalinità dell’acqua, se non ci credete comprate delle cartine tornasole, la Bio Wash Ball e fate la prova, interrompete a metà lavaggio e estraete un campione d’acqua, sia col detersivo che con acqua normale che con la Bio Wash Ball, vedrete che la differenza c’è, eccome.

    Allora cercate il video dove si fa la prova sull’alcalinità ed effettivamente nella biowashball originale, aumenta, è una prova trasparente fatta su youtube, senza fotomontaggi o persone con lobby dietro le spalle.

    http://it.youtube.com/watch?v=vLK__lxtht4

    In più aggiungo di essere uno scienziato, ma di quelli veri, ho realizzato tre invenzioni, ma non posso divulgarle perchè la comunità scientifica non è daccordo. La prima mia invenzione è stata reinventata da Perendev e Bedini, la terza la sto costruendo ora e dovrebbe funzionare perfettamente.

    Sono studente, quasi ingegnere, e non credo che la scienza si debba limitare allo studio, oggi quasi mai si sperimenta con il metodo Gallileo come si faceva una volta, si dà tutto per scontato e si progetta con Autocad, cosicchè se ci sono dei buchi, questi non vengono scoperti.

    Come nel video, si lascia la sperimentazione in mano al CNR e a mimandaraitre, che già di per sè sono contrari a questo tipo di sperimentazioni. Ebbene si, una volta l’oscurantesimo era della chiesa, al giorno d’oggi viene dagli illuminati e dalla borsa.
    Se è antieconomico non è scienza.

    Ho riscritto la teoria dimensionale e modificato alcune formule incomplete,ma fin quando non mi laureo e non termino l’ultima mia invenzione, non parlerò, anche perchè già mi è capitato di accennare qualcosa in altri blog e di essere trattato a pesci in faccia dai saccenti.
    E senza portare prove contrarie alle mie. Mi danno contro solo perchè loro hanno studiato. Invece il mio prof di Fisica mi dice di andare avanti e non farmi demoralizzare, che qualcosa di vero nelle mie affermazioni c’è.

    Appello a tutti quelli che hanno una Bio Wash Ball, filmate un’esperimento di persona, usando una lavatrice da 4 kg e vediamo se veramente c’è differenza.

    Rispondi

  115. Marina
    Feb 05, 2009 @ 16:23:52

    la palla funziona. punto.
    dobbiamo combattere il complotto delle case produttrici di detersivi. avvelenano i nostri figli!!!!
    dobbiamo unirci e lottare contro questa ingiustizia.

    no 51gn.oragg10
    sc1e ch1miche

    Rispondi

  116. Tony
    Mar 15, 2009 @ 19:52:54

    alberto (11:05:30) :

    il grillo ne prende e tanti (fonti mie) per i suoi spettacoli, è un lavoro il suo , ataccare tutto e tutti crea consenso, ma una volta spenti i riflettori si rimane ognuno con i propri problemi……..i cambiamenti si fanno con la politica, con gli strumenti istituzionali non con i movimenti di massa e la controinformazione su internet……………

    Alberto, ci troviamo tutti in una specie di Matrix….la controinformazione (come dici tu) la trovi tutti i giorni in edicola (grazie al tronchetto dell’infelicità, l’uomo più indebitato del mondo) e in tv (grazie a chi sappiamo tutti).
    palla o non palla, è vero i cambiamenti si fanno con la politica, ma la politica deve partire dal basso, da tutti noi. la politica ci deve costare poco e soprattutto deve essere giovane e trasparente. è delirio che la gente critichi il potere inquinante di una palla di plastica quando mister silvio ci parla di nucleare!stiamo tornando indietro purtroppo, se da anni e anni si fosse investito nel rinnovabile, magari adesso avremmo una biowashball efficace a tutti gli effetti…
    poi oh, se funziona davvero me la compro pure io!!!!!!!!

    Rispondi

    • Koba
      Mag 04, 2009 @ 18:30:40

      Il mio pensiero è di ragionare molto su quello che ci viene proposto;
      l’uomo spesso mette in gioco tutto solo inseguendo una speranza…

      Rispondi

  117. MrEntropius
    Giu 08, 2009 @ 13:53:22

    Beh ho letto i commenti di molti chimici, come di molta gente comune…. Io sono un fisico, ma non voglio esprimermi sulla biowashball.
    Vorrei piuttosto sottolineare come la società sia riuscita ad allontanare la persona normale dalla scienza, mostrando lo scienziato come uno strano animale che si attiva con chissà quali scopi.
    Io sono uno scienziato, e per esserre uno scienziato bisogna solo avere molto spirito critico per non accontentarsi delle superficialità e chiaramente un po’ di buona volontà per studiare cose piuttosto pesanti.
    Da questa discussione è emersa il perché dei problemi dell’italia di oggi: la troppa diosponibilità a pensare col cervello altrui. Io sono Fan di Beppe, ma sono fan innanzi tutto della ragione, MAI E POI MAI ACCONTENTARSI DEI PARERI DEGLI ALTRI, per sapere, per conoscere bisogna studiare e ricercare. Avere fede in Beppe Grillo è (a livello di onestà intellettuale) perfettamente analogo a chi crede in Berlusconi. E’ chiaro che ho accostato diavolo e acqua santa, ma il discorso di fondo è lo stesso.
    Un’ultima cosa, se non avete idea di cosa sia la fusione fredda, non parlatene, fate solo brutte figure.

    Rispondi

  118. mm
    Lug 20, 2009 @ 23:59:53

    anch’io ho visto lo spettacolo di Grillo e sta’ pallina magica mi ha incuriosito. ho cercato allora su internet e ho trovato un sacco di commenti, sia a favore che contro.

    tuttavia tutti quelli che l’hanno provata sono concordi sul fatto che funzioni, mentre chi la scredita non l’ha mai provata!

    cmq il sito svizzero non funziona più, come mai?

    Rispondi

  119. James
    Ott 13, 2009 @ 18:31:53

    E’ tristissimo vedere come la gente abbia perso la capacità di usare il buon senso..Non solo, pur di difendere le proprie opinioni, arriva a formulare opinioni di una totale assurdità.. Si arriva a dire che chi non crede in Grillo è un fedelissimo delle multinazionali, che non ama l’ambiente, etc. Grillo è un bravo anchorman né più né meno di altri come Berlusconi e Bossi..Un esaltatore di folle (già sufficientemente esaltate)..Siamo nel decennio in cui le parole più abusate sono biologico, ecologico, naturale, alternativo, etc. che vengono applicate a qualunque cosa, pur di vendere..Non ci sarebbe nemmeno bisogno di fare ragionamenti chimici (che sono evidentemente a favore della non efficacia di questo prodotto rispetto alla semplice acqua calda) ma basterebbe usare un minimo di logica e di nozioni di marketing per vedere che, in questi siti, si parla di fuffa per vendere un prodotto, nulla di più..E non c’è da stupirsi se il paese va in malora, anzi non vedo l’ora di emigrare e spero che vada sempre peggio così i poveri boccaloni di italiani si prenderanno sempre più sdentate, magari anche l’Europa, se Dio vuole, si stuferà dell’Italia e la sbatterà fuori dall’UE..
    PS. Ho avuto per giunta un dibattito con uno dei tanti produttori di questo “sistema innovativo di lavaggio” e nel momento in cui ho iniziato a parlare di reale biocompatibilità, di chimica e di altre caratteristiche tecniche, il suddetto si è dileguato con mille scusanti e pretesti. Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro. Se poi vogliamo parlare di prove pratiche, penso che quella di Altroconsumo basti e avanzi. Invece che credere a queste cose, sarebbe meglio cominciare a tenere davvero dei comportamenti ecosostenibili, informandosi correttamente e scientificamente e non appoggiandosi al primo “detentore unico di verità”..

    Rispondi

  120. James
    Ott 13, 2009 @ 18:40:28

    Aggiungo che per andare contro a queste cose non serve essere fedelissimi delle multinazionali (quelle “cattive” poi, come ce ne sono di aziende anche in piccolo, multinazionale in sé per sé è un termine che non indica nulla circa la dannosità di un’impresa), difatti non compro prodotti delle stesse ormai da parecchio tempo (per chi vuole avere un’idea circa queste realtà, invece di ascoltare grilli o altri insetti, si legga una qualche guida al consumo critico e consapevole, o al boicottaggio, dove vengono riportate non solo le “peculiarità” delle varie imprese da evitare ma anche i marchi ad esse legati che non riportano chiaramente la paternità..è il caso ad esempio di molti prodotti acquisiti dalla Nestlé che non riportano il logo della “casa madre”)..Pertanto le alternative non sono o compri la washball o arricchisci le “multinazionali del pulito”, ci sono anche detersivi biocompatibili e naturali in vendita presso diverse botteghe ed in rete, ci sono quelli del commercio equo e solidale anch’essi contenenti ingredienti biologici, c’è anche la possibilità di ritornare alla buona vecchia autoproduzione, facendosi in casa il detersivo seguendo una delle mille “ricette” presenti nel web..Usando le proprie mani e la propria testa, senza cedere ai marketing di Grillo o delle multinazionali..Poi chi vuole continuare ad essere pecora faccia pure..

    Rispondi

  121. appearicalk
    Mag 03, 2010 @ 16:39:15

    If you live in Weston Florida and plan on refinancing an existing mortgage or get a new mortgage beware of scam artist Tulio J. Rodriguez. This so called “Mortgage & Finance Specialist” will tell you just about anything to get your business. His group of scavengers “Real Estate Agents and Mortgage Specialists” lie through their teeth to take your money.

    Rispondi

  122. Federico D
    Giu 03, 2011 @ 00:51:52

    la scienza non è un dogma immutabile ma teorie in continua evoluzione, dove nuove teorie più complete prendono il posto di quelle più antiche. lo stesso metodo sperimentale non è assoluta e dogmatica garanzia di esattezza . ma temporanea conferma di leggi che in un futuro più o meno prossimo potrebbero essere scalzate da teorie più attinenti grazie al progresso scientifico.Detto questo essendo scienziato , mi attengo come tale, ma penso più come persona sensata al metodo scientifico, non precludendomi però il beneficio del dubbio su avvenimenti diciamo inspiegabili.Tornando alla nostra palla, volevo porre l’attenzione su un’aspetto che in tutti i commenti non mi pare di aver visto.non stiamo parlando di uno scontro tra scienza e ‘fantascienza’, ma tra scienza e scienza. Mi spiego, la suddetta palla è stata progettata e realizzata da questa società sulla base di un principio fisico ” infrarossi etc” che vengono esposti come prova. la comunità scientifica ha sperimentato che queste prove non sono vere. cioè in poche parole chi produce dice che gli infrarossi e l’acqua lavano i panni , io scenziato prendo l’acqua e gli infrarossi e riscontro che non lavano i panni , quindi se lo scenziato ha svolto la verifica in maniera accurata e in buona fede scientificamente si può concludere che gli infrarossi e l’acqua nn lavano i panni punto. che poi ci sia gente che dica il contrario deve essere ben consapevole che non è ,come è stato detto, credere a una cosa che nn è spiegabile scientificamente, ma credere in una cosa che è scientificamente provato essere falsa.chiudo precisando che sebbene credo abbastanza fermamente che il prodotto in questione nn abbia nessun attrinuto pulente , la sua efficacia potrebbe essere attribuita a fenomeni che attualmente risultano inspiegabili con le conoscenze odierne, il che nella remotissima ipotesi che ciò fosse vero avremmo un prodotto che funzionerebbe secondo meccanismi ignoti persino ai costruttori con i rischi che ciò comporta.

    Rispondi

  123. Trackback: Anonimo
  124. classy coin casino
    Apr 21, 2013 @ 05:50:57

    Initially it turned out known as Online games with almost ideal facts Which often helps stability this series.
    Even Money – In the event the dealer has any potential
    blackjack-and you used to be dealt a blackjack-you can request even money.

    Rispondi

  125. coconut oil uses
    Apr 22, 2013 @ 14:25:20

    The recommended amount is a tablespoon of coconut oil
    for 15 to 20 minutes per day. It’s a great alternative to butter on whole grain breads and wonderful for stirfry. Organic virgin coconut oil is higher quality and tends to be a little more expensive.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: