Quanto ci conformiamo alla persona con cui diviamo tempo?

Questa mattina mi sono svegliata sotto forma di Carrie Bradshaw, sarà perchè dovevo consegnare un articolo finito e con foto all’editore?

sicuramente non sarà per le scarpe, che sono diventate proprio pochine dopo che ho sfoltito dall’armadio quelle che non porto più ..

mi capita spesso di pensare a quanto ci conformiamo alla persona con cui stiamo

come succede che all’inizio di una storia pensiamo che il nostro carattere è così, che le cose che ci piacciono sono quelle (e ci caratterizzano) e poi piano piano assumiamo atteggiamenti che assomigliano al nostro compagno/compagna?

Quante sono le persone che incominciano a lasciare da parte i propri hobby per seguire quelli dell’amato?

e se invece è il nostro fidanzato, marito, convivente che abbandona piano piano le sue particolarità per rendere proprie le nostre?

è giusto? oppure è più proficuo per la coppia autogestire le cose assolutamente proprie e non modificarle?

v

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. adblues
    Set 30, 2008 @ 10:14:05

    Secondo me amare una persona vuol dire fondersi a vicenda modo da divenire un nuovo soggetto fatto dell’interazione reciproca tra le personalità di ciascuno.
    Il che comporta il dare e ricevere in proporzioni uguali.
    In pratica magari il non lasciare le scarpe in giro per casa perchè il partner non lo sopporta, e per quest’ultimo sopportare le scarpe abbandonate in giro per casa.
    Sembra contorto e difficile? Certo che lo è! Sennò ci innamoreremmo della prima persona incontrata.

    Non si può desiderare di annullarsi nel partner, sarebbe svilente; vuol dire compartecipare il proprio essere con lei\lui senza divenire lei o lui o pretendere che egli diventi come noi o peggio, come noi vorremmo.

    —Alex

    Rispondi

  2. emiliano
    Set 30, 2008 @ 10:32:46

    Non è questione di giusto sbagliato…credo: se tutto accade senza forzature e con naturalità va bene! Dipende anche da che tipo di personalità hai!
    Conosco una persona, per esempio, che nella sua vita non ha mai avuto amici se non quelli del partner di passaggio e nonostante tutto s’è sposata ed è felice…almeno credo!
    poi ne conosco altri di un egoismo smisurato, che non rinunciano mai a nulla, per i quali vengono prima i loro bisogni, abitudini e passioni, eppure nella coppia hanno trovato un equilibrio: certo dall’esterno ti chiedi come faccia lei a sopportare certe situazioni ma non è mai facile giudicare una coppia dall’esterno!

    Rispondi

  3. pipuffa
    Set 30, 2008 @ 10:55:49

    credo che in una coppia sia necessario un certo equilibrio fra dipendenza ed indipendenza uno dall’altro. cambiare abitudini e gusti in funzione dell’altro è una cosa normale, purchè non sia un’imposizione del partner o autoimposta da noi stessi.

    Rispondi

  4. Nicola
    Ott 06, 2008 @ 10:02:57

    Vivere con una persona, a lungo andare, ti “fondi” con lei, e questo non è mancanza di carattere, ma una naturale evolversi della coppia.

    Nicola sintetico

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: