L’articolo di un mio amico

Questa mattina posto l’articolo che ha scritto Deni, un mio carissimo amico , appassionato come me di musica ..

anzi , io e Deni (e chiaramente tantissime persone) ci viviamo proprio di musica e spesso veniamo toccati dal problema di musica in formato mp3 o similari

Pur non essendo una persona legata agli oggetti .. se ci sono due cose che custodisco con gelosia e grande affetto sono libri e dischi/cd , ma anche cassettine originali e vinili

Quando sono triste li accarezzo pure, solo in quel modo, prima di ascoltare, sento davvero quella musica come mia

Ascolto una vagonata di musica , tutti i giorni, spesso anche cose che non mi piacciono , nel mio computer , per lavoro, girano spesso molti file musicali , ma ogni qual volta mi è capitato di apprezzare un “disco” o un artista , l’ho comprato, posseduto , è quasi come un rapporto d’amore positivo

Mi rivolgo a tutti, perchè la musica è di tutti e per tutti , quando un artista vi piace o un disco vi fa solleticare lo stomaco , preferite un bell’acquisto vero … nel tempo Vi ripagherà di quanto avete speso

 

Grazie Deni , qui linkato il suo articolo

difendi in cio\’ in cui credi

Annunci

7 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Dedy
    Set 19, 2008 @ 10:28:40

    Condivido pienamente…prefersico avere un cd originale, un libro…il gusto nell’ammirare le copertine originali, lo scartare l’involucro non me lo perderei mai.

    Rispondi

  2. adblues
    Set 19, 2008 @ 11:17:23

    Ci sarebbero tanti aspetti da discutere a riguardo.
    Il primo è che anche io amo possedere fisicamente un libro, un DVD, un disco (CD o vinile che sia).
    Poi però subentra la questione economica.
    Molti libri, DVD e dischi hanno un prezzo spropositato. Spropositato rispetto a svariati fattori: alla qualità dell’opera che contengono (per esempio un album con uno-due pezzi “buoni” ed altri buttati li alla rinfusa se non peggio delle re-incisioni di vecchi pezzi) oppure rispetto alla clientela a cui si rivolgono. Per esempio posso capire l’alto prezzo di un CD di lirica registrato in studi enormi con alte tecnologie volte ad esaltare la vera “alta fedeltà” ma non posso capire un alto prezzo di un disco house o tecno che francamente non ha bisogno dell’alta fedeltà (e non è realizzato certo con tecniche HiFi) ed in ogni caso è destinato ad un pubblico di ragazzini senza reddito che piuttosto che impiegare i 15 euro in musica preferiscono scaricarsela a costo zero ed usare i 15 euro per una pizza con gli amici. Tanto più che il ragazzino non si metterà ad ascoltare la tecno con amplificatore valvolare Denon 7+1, casse Celestrion e magari lettore CD da 5000€ ma lo metterà supercompresso nel lettore mp3 quando non lo ascolterà (orrore anche per la dance!) tramite le casse del PC. Per lui l’mp3 compresso è uguale al SACD dolby 7+1.

    Altri spunti: IVA troppo alta sulla musica e major che impiegano troppe risorse per sviluppare inutili sistemi anticopia che danneggiano la musica (come qualità) non prevengono la pirateria e gravano sul prezzo finale.

    Case discografiche che investono poco o niente sulla scoperta di nuovi talenti preferendo investire cifre esorbitanti ma solo sui big già affermati.

    Artisti che vedono solo pochi spiccioli dei proventi delle vendite delle loro opere e che vengono spinti a produrre, produrre, produrre senza badare alla qualità.

    Tutto il meccanismo della produzione, distribuzione e vendita della musica dovrebbe essere rivisto e soprattutto divenire più flessibile ed adattabile ai bisogni dei vari consumatori di musica.

    Ma ho solo accennato questi temi. In realtà è tutto molto – molto più complesso!!!

    —Alex

    Rispondi

  3. LaVale
    Set 19, 2008 @ 13:25:56

    @Dedy: 🙂
    @ADBLUES: hai dato una bella spiegazione, potremmo parlarne davvero in altre occasioni !

    Rispondi

  4. Maury
    Set 19, 2008 @ 21:50:53

    Vado e leggo!!!!
    Maury

    Rispondi

  5. adblues
    Set 19, 2008 @ 22:53:31

    Certo che ne possiamo parlare! Mi farebbe piacere.
    Però bisogna anche avere ben chiaro che dall’altra parte (l’industria) ci sono solo sordi 😦

    —Alex

    Rispondi

  6. tania_01
    Set 22, 2008 @ 09:49:59

    vado a leggere.
    ps,grazie per gli auguri!

    Rispondi

  7. LaVale
    Set 23, 2008 @ 10:58:06

    @ADBLUES: tempo di capire come sono girata e poi potremmo affrontare l’argomento !! a proposito di psico , ti ha risposto Natascia (pissicologa) sul post LA SINDROME DI PETER PAN

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: