DIVERTIMENTO A TUTTI I COSTI @ InfoChiocciola

Ancora una volta Vi propongo con leggero anticipo l’argomento di questa sera di InfoChiocciola , il mio programma in onda dalle 19.00 alle 20.00 @ www.rsd.it

Anche questa sera ospiti in studio le psicologhe del Centro Don Milani di Cesena e l’argomento ha come titolo

“Divertimento a tutti i costi” .. ma che vuol dire ?

Vuol dire che siamo curiose di sapere se è capitato anche a voi di dovervi divertire a tutti i costi perchè

– è sabato ??

– tutti si stanno divertendo ?

– è un posto considerato dalla massa piuttosto figo ??

Quante volte mi è capitato , nelle serate in cui non lavoravo nei locali di sentire amici e amiche che mi dicevano una frase tipo “dai è sabato e si deve uscire”? mentre io stavo anche benissimo spaparanzata nel mio divanino a far due coccole a Rocco ,

oppure di sentirmi dire “perchè non ti diverti?” e dire che sono una persona semplice , mi diverto con molto poco … ma personalmente non sono attratta dal divertimento comandato  , e nemmeno dalle uscite obbligate

Nel tempo mi è capitato di far mattina durante la settimana perchè stavo benissimo dov’ero o appunto di andarmi a letto prestissimo nel fine settimana perchè non avevo voglia di uscire , senza malinconie particolari

Nel tempo , devo dire anche questo , si è modificato molto il mio “modus operandi nel divertimento” , se da ragazzina era la discoteca (pochissimo in realtà perchè io ci lavoravo e la evitavo come la peste quando non ero di turno) , ora sono altre cose , che possono essere fine settimana alla scoperta di nuovi luoghi , andare a zonzo con gli amici senza meta , giocare al parco con il mio cane , andare a teatro , o semplicemente raccontare un sacco di cose simpatiche in compagnia degli amici giusti !

e voi ?

Vi capita di sentirvi costretti ?!

v

Annunci

10 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. adblues
    Lug 30, 2008 @ 17:40:25

    Guarda, sono il tipo più anticonformista che puoi trovare sul tema “divertimento” e lo sono sempre stato, non solo adesso alla soglia degli -anta!

    Quando tutti al termine della serata del sabato andavano a far colazione al mare, io annoiato ed assonnato andavo a letto. Quando buona parte dei miei amici andava per forza in centro il sabato pomeriggio a fare le “vasche” nel corso principale, io andavo al parco a leggere un libro.

    E’ vero, un sacco di gente si sente obbligata a “fare” determinate cose per divertirsi. Ma io mi diverto con quello che piace a me non con quello che mi deve piacere per definizione!

    Forse è anche per questo tipo di conformismo del divertimento che si vedono ragazzini strafatti di droghe sintetiche o ubriachi marci.
    Se non ti sballi non riesci a divertirti…
    Cavolo ma se io non fossi capace di rimorchiare le ragazze senza l’aiuto di una pasticca, cavolo, mi darebbe da pensare!

    Un abbraccio ed in bocca al lupo per stasera!

    —Alex

    Rispondi

  2. Valeria
    Lug 30, 2008 @ 18:23:18

    anche io come te e Alex.
    Mai sentita obbligata a divertirmi, mi pare un vero controsenso.

    il terremoto……..grazie per averci pensato 🙂

    Rispondi

  3. LaVale
    Lug 31, 2008 @ 08:15:32

    @Alex e Valeria : la pissicologa , dopo che ho letto in diretta i Vostri commenti , ha detto che (ma sicuramente già lo sapevate) avete un buon dialogo con Voi stessi !

    Rispondi

  4. a77
    Lug 31, 2008 @ 09:29:29

    Prego 😉
    Ma c’era un seguito a intanto…..?
    devi leggere il post di ieri? Non te lo consiglio, era un po’ piagnucoloso 😀
    A.

    Rispondi

  5. adblues
    Lug 31, 2008 @ 09:35:51

    Dialogo…?
    Strano, quando parlo con me stesso mi sembra più come un monologo! 😉

    —Alex

    Rispondi

  6. manulea
    Lug 31, 2008 @ 10:07:16

    Mah, io sono sempre stata una persona abbastanza casereccia, nel senso che preferisco starmene con gli amici in posti dove si può parlare e divertirsi magari sparndo scemenze piuttosto che a incroccarsi di alcolici in locali rumorosi. Anche adesso, magari sembreremo pallosi, però io e il maritino preferiamo stare sul divano a guardare un film il venerdì sera, oppure ci piace tanto andare alle sagre di paese a mangiare le costicine il sabato o la domenica, o una pizza e un gelato e due vasche in centro chiacchierando con gli amici. O tornare a casa di mamma e papà a godersi cani e parentado…
    che palle, eh? 😉

    Rispondi

  7. Astralla
    Lug 31, 2008 @ 10:12:02

    Certo che mi ricordo ;-)!
    Piacere di risentirti!
    Ciaoooo!

    Rispondi

  8. silvia
    Ago 01, 2008 @ 08:59:05

    soltanto per le feste comandate: natale, pasqua. ma per il resto scegliamo sempre piacevoli compagnie e decidiamo all’ultimo momento cosa ci sentiamo di fare

    Rispondi

  9. Andrea
    Ago 01, 2008 @ 10:17:17

    Mi ci rivedo, specie nelle occasioni obbligatorie tipo il ferragosto o il capodanno che personalemente odio…

    Rispondi

  10. LaVale
    Ago 01, 2008 @ 14:46:20

    @ADBLUES: beh , monologo è la giusta definizione !
    @MANULEA : per me stupendo , altro che “che palle” !
    @SILVIA : io mi accontento di “obbligarmi” il Natale .. Pasqua con chi vuoi !
    @ANDREA : sono dispiaciuta , allora !

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: